LA VITA SULLA TERRA E’ SOLO UNA BOLLA DI SAPONE (Gandhi)

Una bolla di sapone è quanto di più fragile, magico, incantevole esista sulla terra.

Una sottilissmia pellicola di acqua che galleggia soavemente nell’aria prendendo le iridescenze della luce.

 

Gonfia di emozioni, di sensazioni, di pensieri, di sogni e valori, la nostra bolla di sapone è, comunque, qualcosa di perfetto, come tutte le sfere.

Perfetta perchè è un ineffabile equilibrio di energie, di forze, di tensioni, che la tengono gonfia e le consentono di fluttuare, trasportata dagli zeffiri e scintillante dei colori dell’iride.

L’immagine di Gandhi è commovente ma, per me ha anche un altro significato, legato ad un ricordo personale e, nel contempo, universale.

Quando ero nella scuola di Gandhi, in Sudafrica, c’erano centinaia di bambini che provenivano dagli slum circostanti. Bambini che, come ho già avuto modo, ripetitamente, di raccontare, malgrado la loro indigenza,  avevano negli occhi una luce di serenità e felicità che non non ho mai più rivisto altrove.

Al momento dell’intervallo, un bambino giocava con le bolle di sapone e quando un altro gliene scoppiò una particolarmente grande, vidi rigarsi le sue gote di lacrime.

Incuriosita, chiesi al mio accompagnatore il motivo del suo pianto ed egli mi spiegò che, per quel bimbo, la bolla di sapone era il piccolo mondo che conteneva le sue speranze per il futuro. Se fosse scoppiata da sola, il suo desiderio pioveva sulla terra, pronto per germogliare. Qualora, invece, fosse stata scoppiata da qualcuno, il sogno era infranto per sempre. 

Allora gli chiesi di domandare al piccino quale fosse il suo desiderio infranto.

Ed ecco la sorpresa: non chiedeva nulla per sé, ma una cosa per la sua mamma. Vedendomi un anello con una pietra trasparente rosa contornata da pseudodiamantini, aveva espresso il desiderio di riuscire, un giorno, mettere da parte i soldi necessari per poterne prendere uno analogo per sua madre.

Non vi dico la gioia di quella piccola creatura quando gli donai l’anello.

La sua bolla di sapone, magicamente, era ritornata a volare, gonfia di una felicità sublime.

La nostra esistenza è, però, una bolla anche nel senso che è fragile, incerta, destinata a durare poco ed una volta scoppiata, che ne sarà? Finiremo nel nulla come la bolla del piccolo bambino scoppiata dall’amico dispettoso, oppure saremo una bolla capace di generare felicità, in noi stessi nell’aldilà e/o negli altri…

Una bolla di sapone… 

About these ads

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 64 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: