Felicità è buon gusto, non “indicazione”

La felicità sta nel gusto non nelle cose; si è felici perchè si ha ciò che ci piace, e non perchè si ha ciò che gli altri trovano piacevole

 (F. de La Rochefoucauld)

L’idea di felicità suggerita da de La Rouchefoucauld si sovrappone, in molti punti, con l’essenza del Wellthiness e con i potenti trend all’Edolismo (edonismo+olismo), al Narcisismo, alla Personalizzazione che attraversano la società in stato nascente andando a costituire il macrotrend del lusso ampiamente descritto da Giampaolo Fabris

Non più un lusso gridato, ostentato, ma un piacere personale, un modo per gratificarsi, per coccolarsi, per dimostrare, prima a se stessi che agli altri, di amarsi, di avere buon gusto… Non sono delirio di onnipotenza, becero individualismo, ma un nuovo atteggiamento di autostima, di auto-valorizzazione che parte da sè per diffondersi sul prossimo. Da qui anche il discorso del tramonto degli status symbol e l’avvento degli style symbol.  

Non legare la felicità alla materialità ma al proprio gusto, implica una profonda capacità di mettersi in gioco, di saper giudicare e di scegliere ciò che meglio ci esprime e che, non necessariamente, coincide con quanto l’opinione pubblica, la società, i mass media propongono-impongono tramite vari meccanismi sociali.

Tra gli altri, oltre alla moda (che serve, nel contempo, ad aggregare, identificare e ad escludere, distinguere) ed alle dinamiche in-group/out-group, ci sono le dinamiche dell’indicazione. Perchè, spesso capita di invaghirsi di persone già accoppiate? Che cosa le rende speciali e particolarmente attraenti? Il loro fascino, spiega Francesco Alberoni, va cercato in un processo (l’indicazione) che, soprattutto nelle donne, supporta l’istinto naturale di conservazione della specie spingendole a scegliere il  maschio più forte, più bello, il migliore affinchè trasmetta alla prole i caratteri dominanti vincenti. Come capire chi sia l’eletto? A parte l’aspetto fisico (il più forte, il più sano, il più avvenente…) che, passando dalla bio-sfera alla socio-sfera si trasforma nel più ricco, il più potente, il più famoso, il più intelligente… c’è l'”indicazione” sociale, l’opinione degli altri. Pertanto, se il gruppo dice che X è bello, buono, bravo, desiderabile… siamo naturalmente portati a considerarlo tale, e, per l’effetto Pigmalione, di fatto, X  si comporta come se lo fosse. Esempi ne sono le varie veline, letterine,…

Tuttavia, nella società della personalizzazione, della customizzazione, l’one size fits all (taglia unica per tutti) ha ormai segnato il passo lascianodo spazio al su misura, al desiderio di distinguersi, di uscire dalla massa, dall’anonimato, interpretando, in modo originale, prodotti, situazioni, idee, comportamenti… E, per riuscirvi, è, di nuovo, indispensabile avere un proprio gusto, una propria griglia di valutazione…

La felicità stessa non è più qualcosa di dato a priori, di stabilito una votla per tutte o di dettato dalla società, dalla cultura, dalla community, dalla tribù emozionale dei consumi, di appartenenza.

Non può essere imposta a forza perchè è legata alla sensibilità, alle inclinazioni individuali (de gustibus ne disputandum est, dicevano i latini). E se dipende da come riusciamo ad esprimerci negli oggetti, nelle persone, nelle situazioni dei quali ci circondiamo, non può nemmeno ridursi o coincidere con gli stessi oggetti, persone, situazioni perchè sono un mezzo per raggiungerla e non un fine (la felicità stessa).  

Avere ciò che ci piace significa rendere unico ed irripetibile il nostro microcosmo popolandolo con quanto rispecchia fedelmente  la nostra personalità, i nostri valori, la nostra storia, il nostro gusto e che, non sempre coincide con il piacevole per gli altri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: