DI’ UNA PAROLA CON LA BOCCA CHIUSA (Koan zen)

Di fronte al miracolo della vita, della felicità, della salvezza ed al mistero della malattia, della sofferenza e della morte l’essere umano sente tutta la sua fragilità, la sua pochezza di creatura.

Vari studi dimostrano l’incapacità delle parole di esprimere la condivisione della grande gioia, della grande sofferenza, la felicità davanti alla vita che sboccia ed al terrore della falce che si avvicina.

Nei momenti di grande intensità esistenziale, non sono le parole, i ragionamenti, i discorsi ad essere importanti ma uno sguardo, una carezza, un gesto, parole dette con la bocca chiusa, che aprono mondi e sono molto più efficaci… 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: