Tutti vs Morfeo e la sindrome del cattivo sonno dei teenager.

Il sonno è un bisogno primario per l’essere umano al pari di mangiare o bere. Morfeo ha un ruolo cruciale per il benessere complessivo e la salute olistica, ossia per il Wellthiness.

Un sonno di qualità e ristorativo è essenziale per mantenere l’equilibrio delle forze e per garantire il funzionamento quotidiano del nostro organismo.  È un’esigenza che non può essere deferita nè compensata con altro.

Molte ricerche hanno dimostrato che, in media, un essere umano dedica un terzo della propria esistenza a dormire. E se, per i giovani il numero di ore di sonno giornaliere può raggiungere le nove, nella maturità variano tra 7 ed 8, mentre nell’anzianità sono 5 o 6.

 Il sonno ha, dunque, uno stretto legame con la salute.

La giornata mondiale del sonno, celebrata ieri, 19 marzo, all’insegna del motto “dormi bene, stai bene”  è ormai un evento che chiama in causa molti temi scottanti correlati al sonno, inclusi la medicina, l’educazione e vari altri aspetti sociali, psicologici, economici, metabolici, cognitivi…

Per la medicina del sonno, disciplina abbastanza recente, si può parlare di una pandemia globale che minaccia la salute e la qualità di vita di circa il 45% della popolazione.

La maggior parte dei disturbi del sonno si può prevenire o curare  ma meno di un terzo di chi ne soffre si rivolge a medici per rimediare a tutte le patologie relative: dall’apnea all’insonnia (che colpisce il 30-45% degli adulti), per giungere sino alla narcolessia. La maggior parte delle persone che soffrono di tali disturbi, non è consapevole di quanto siano pericolosi per la salute e di quanto influiscano negativamente sulla qualità della vita di tutti i giorni.

A ciò si aggiungono le centinaia di vittime che perdono, inutilmente, ogni anno, la vita  per incidenti stradali provocati proprio da cause relative al sonno, per non parlare degli incidenti ferroviari ed aerei.

La patologia del sonno più diffusa tra i teenager è, secondo Marvin Bhatia, del Dipartimento di Neurologia del Sir Ganga Ram Hospital di New Delhi, “la sindrome del cattivo sonno” collegata all’eccesso di uso di i-Pod, internet, videogiochi, televisione o, semplicemente, lo studiare  fino a tarda notte, che riducono notevolmente il tempo da loro dedicato a dormire.

Ovviamente, poi, i giovani hanno difficoltà a svegliarsi alla mattina ed a concentrarsi nello studio a scuola. Ritornano a casa stanchi, fanno un pisolino e poi ricomincia il ciclo. E, quando sono in situazioni stressanti, vedasi gli esami, non è raro che  abbiano back out. Inoltre, tendono ad avere una scarsa memoria e poche attitudini scolastiche non meno che un inefficiente sistema immunitario.

Va anche sottolineato che il cattivo sonno è sintomo di altro come un cattivo stile di vita, ansietà, depressione…

Una diagnosi precoce ed appropriate cure possono evitare serie ripercussioni sullo stato di salute e migliorare la qualità della vita.

Quindi… buona notte a tutti🙂

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: