Un tocco di luce blu contro l’indoleza in ufficio e per dormire meglio di notte

Vedete i vostri colleghi di ufficio sbadiglaire?

Vi sentite sempre stanchi e distratti in ufficio?

O siete continuamente distratti?

Mentre i giapponesi, come è noto, cercano di risolvere il problema con le strategie delle scenografie olfattive, noi, da buoni occidentali, figli della cultura visiva e della società dell’immagine, tentiamo di porvi rimedio partendo dalla luce. 

Un nuovo studio condotto da ricercatori britannici pare abbia scoperto ciò che l’indolenza e la stanchezza che spesso ci attanagliano in ufficio dipendano proprio dal tipo di illuminazione utilizzata nell’ambiente.

Così, secondo il team di esperti per risolvere il problema potrebbe essere sufficiente cambiare il colore delle luci nei luoghi di lavori.

Se al posto delle solite lampadine scialbe bianche ne venissero messe altre colorate, si vivacizzerebbe l’atmosfera  e tanto voi quanto i vostri colleghi oltre a sentirvi meglio, più a vostro agio, sareste anche più produttivi.

Una luce bianca arricchita di una sfumatura blu potrebbe aiutarvi ad essere proprio più attivi e ad impegnare in modo più proficuo le ore di lavoro, secondo i ricercatori del Surrey Sleep Centre dell’università di Surrey.

Gli studiosi hanno presentato la loro analisi eseguita in  partnership con la Philips Lighting, mostrando che un simile approccio potrebbe portare a significativi passi in avanti nella misurazione soggettiva degli stati d’aimo positivi, nelle performance lavorative, nell’affaticamento serale, nell’irritabilità, nell’affaticamento degli occhi e nelle capacità di concentrazione. 

I lavoratori esposti, durante l’indagine, a luce bianca arricchita di blu hanno anche mostrato una migliore qualità del sonno notturno.  

L’analisi è stata condotta su un campione di 104 colletti bianchi di due piani di un ufficio. Dopo aver rilevato le esistenti condizioni di illuminazione, ogni partecipante è stato esposto a due nuove condizioni di illuminazione per un totale di quattro settimane per ogni situazione.

Le due condizioni erano  la prima con luce bianca arricchita di blu e la seconda semplicemente bianca.

Per registrare i mutamenti di comportamento e di stato, al campione è stato sottoposto un questionario nel quale doveva valutare il livello di attenzione, di qualità del sonno, lo stato d’animo, le performance lavorative, lo sforzo mentale, il mal di testa e l’affaticamento degli occhi, nel corso delle otto settimane dell’esperimento.

“Questa ricerca può davvero provare che il nostro attuale uso della luce artificiale negli uffici non è affatto l’ottimale per mantenere l’attenzione e la vigilanza degli impiegati” secondo Dijk, autore della ricerca. 

Annunci

2 Risposte to “Un tocco di luce blu contro l’indoleza in ufficio e per dormire meglio di notte”

  1. Serafino Says:

    Nell’ufficio dove lavoro si sono dovuti eliminare i neon a forte componente blu perché troppo abbaglianti con evidenti problemi di sofferenza visiva da parte degli impiegati, e sostituirli con neon a tonalità calda. Quest’ultimi hanno reso assai piu confortevole e rilassante la permanenza in ufficio, con effetto anche positivo sulla riduzione dello stress.

    • A dire il vero anche a mio modesto avviso, per il poco che ho studiato negli ultimi dieci anni di cromatologie e polisensualismo, sono migliori le luci calde perchè creano più atmosfera, innescano reazioni emotive più soft e più di collaborazione. Ero, infatti, un po’ titubante all’idea di pubblicare il post in favore della luce fredda e su tono bluastro, ma mi è sembrato significativo il contrasto di approccio (olfattivo vs visivo) tra l’oriente e l’occidente.
      Ti confermo, comunque, il mio pieno appoggio per le luci calde. Pensiamo anche alle strade, come sono più piacevoli le luci arancioni piutosto che i neon bianchi di notte. O, ancora, nei supermercati: come appaiono più freddi, scostanti, distaccati i layout illuminati con i neon tradizionali e quanto sono più gradevoli quelli con illuminazine naturale o calda. Nel caso dei punti vendita, per esempio, una lunce calda aumenta notevolmente il tempo di permanenza, la soddisfazione, la percezione positiva dell’esperienza compiuta, quindi, anche la disponibilità agli acquisti e la fidelizzazione al punto vendita stesso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: