CI SI DA’ MENO DA FARE PER CONQUISTARE LA FELICITA’ CHE PER FAR CREDERE DI POSSEDERLA (Ahete di Saint-Réal)

La felicità, oltre ad avere una componente personale, in-dividuale, ha anche una dimensione sociale.

Sebbene oggi la seconda tenda ad essere offuscata dalla prima, non può essere trascurata o rinnegata.

Essa si può sviluppare, prevalentemente, in due forme.

L’una, più vicina allo spirito del Wellthiness, va nella direzione della condivisione, dell’empatia, del socializzare la positività, l’armonia, la gioia, la sinfonia che derivano dalla felicità stessa.

L’altra, più legata alle epoche appena lasciate alle spalle, è di utilizzare la parvenza della felicità, una sua falsa messa in scena, per costruire una falsa immagine sociale di un sè inesistente, illuso prima ancora che illusorio, e, per ciò stesso, destinato a non riuscire a godere di una felicità autentica.

Cucirsi una parte ed un’immagine di pseudo-felicità è relativamente semplice. Lo è a patto di essere tanto abili da sapere mascherare la duplice amarezza ed infelicità data dalla tristezza di non essere davvero felici e sereni e dal dovere recitare una simile parte sapendo che, poi, quando i riflettori si spegneranno, ricomparirà la solita mesta e cupa realtà.

L’obiettivo di conquistare, conseguire e perseguire la felicità è un impegno totale e totalizzante.

Di contro,  alla semplice performance di una felicità di facciata, è un progetto ed un compito che, ogni In-dividuo è chiamato a realizzare prima che per gli altri, per se stesso, per portare a termine la propria missione, il proprio destino.

Si tratta di un lavoro duro ed infinito, che può implicare sacrifici e rinunce, che esige costanza e pervicacia. La felicità non è un dovere né è un dato di fatto.

Per poterne godere ci si deve esporre in prima persona, ci si deve dedicare interamente  e sinceramente.

“Quindi”, nonostante, come ricorda Ahete di  Saint-Réal, “ci si dia meno da fare per conquistare la felicità che per far credere di possederla”, la Felicità, l’Happiness del Wellthiness è un forte richiamo alla riscoperta proprio del valore che soggiace sia alla Felicità sia ai percorsi che ci portano a conseguirla.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: