Inaugurata l’era degli spray nasali maschili per riconoscere le emozioni ed essere più empatici e teneri

Il massiccio trend alla femminilizzazione, nato dallo shift antropologico che ha portato il prevalere delle funzioni collegate alla parte destra del  cervello, rispetto alle funzioni della sinistra, prevalenti nell’epoca precedente, ha visto gli uomini, per la prima volta del tutto svantaggiati rispetto alle donne.

Così, per una naturale maggiore dimestichezza con le funzioni cerebrali che si stanno attestando come protagoniste del nuovo corso,  le esponenti del gentil sesso, più avvezze a gestire la creatività, l’emotività, l’intuizione, le sensazioni, l’empatia, sono più a loro agio rispetto agli uomini che, invece, si trovano ad arrancare, per cercare di stare al loro passo.

Di conseguenza, si stanno compiendo vari studi per cercare soluzioni efficaci in grado di colmare le lacune emozionali, empatiche, creative, intuitive dell'”Uomo razionale” così da renderlo, il più possibile, un In-divisus Holisticus.

Uno spray nasale con l’ormone vasopressina, può aiutare gli uomini a rafforzare la loro capacità di riconoscere le emozioni sia della felicità sia della rabbia, secondo un articolo pubblicato su Bilogical Psychology.

Lo spray, però, non migliora la capacità maschile di identificare le emozioni neutre.

La vasopressina riesce a cogliere anche gli aspetti meno  positivi dei comportamenti sociali, come l’aggressività.

Adam Guastella, dell’Università di Sydney, ha confrontato la capacità di riconoscere facce di altre persone neutrali, felici o adirate, di 24 uomini, ai quali è stato somministrato lo spray con altri ai quali è stato dato uno spray placebo.

“Ci potrebbero essere molte applicazioni per persone che non riescono ad identificare la comunicazione non verbale che regola le relazioni sociali, secondo Guastella.

Altri due studi hanno dimostrato che lo spray nasale contenente oxitocina può migliorare in modo significativo la sensibilità e le facoltà empatiche degli uomini.

L’oxitocina, spesso definita come l’ormone dell’amore, è stata collegata alla capacità di indurre stati di rilassamento ed è nota perchè i suoi livelli sono  molto elevati durante i rapporti sessuali.

René Hurlemann, della Bonn University’s Clinic for Psychiatry ed il suo team hanno somministrato lo spray all’oxitocina a 24 uomini ed hanno confrontato le loro reazioni alla vista di varie foto con le reazioni di altrettanti uomini ai quali era stato somministrato uno spray placebo.

Le immagini includevano una di un bambino che piangeva, una con una ragazza che abbracciava il suo gattino ed una di un uomo adirato.

Malgrado entrambi i gruppi, a livello razionale, descrivessero le espressioni delle fotografie, i soggetti trattati con oxitocina hanno dimostrato maggiori livelli di empatia suggerendo l’ipotesi che “la somministrazione di oxitocina abbia semplicemente l’effetto di migliorare l’abilità di esperire sentimenti di empatia”.

Secondo i ricercatori i livelli di empatia del gruppo che ha inalato l’oxitocina erano “uguali a quelli che ci si aspettano normalmente nelle donne”

Sebbene i ricercatori non abbiano tenuto in considerazione le influenze socio-culturali che potrebbero influire sulla formazione delle differenze di genere nei livelli di empatia, un altro esperimento mostra che l’amigdala, una parte del cervello, potrebbe anche regolare gli effetti dell’oxitocina.

Hurlemann ed il suo gruppo di studiosi ha trovato che due donne con l’amigdala intaccata da un raro difetto, avevano anche una  particolare alterazione nel loro sistema emotivo dell’empatia.

Oltre ad incoraggiare gli uomini alle coccole, le nuove scoperte potrebbero avere anche importanti ripercussioni per affrontare i problemi legati alla salute ed all’interazione sociale.

In particolare, i ricercatori ritengono che l’oxitocina possa essere utilizzata per affrontare la schizofrenia e l’autismo, problemi che, non di rado, rischiano anche di sfociare in situazioni di difficoltà di comunicazione e di relazione interpersonale o, persino, di stigma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: