LA FELICITA’ INCLUDE ANCHE LA SODDISFAZIONE DEI BISOGNI E DELLE ASPIRAZIONI MONDANE. (Aristotele)

Proiettare la felicità nel futuro o nell’aldilà, è un modo per eluderla, per evitare che il suo mancato raggiungimento nell’hic et nunc, ed il fatto di non poterne godere al momento, ci deluda, ci deprima, ci rattristi, ci amareggi e, quindi ci demotivi.

click to zoom

Si tratta di un espediente al quale ricorre non solo il singolo In-divisus dell’era del Wellthiness, per compensare le carenze della propria esistenza mondana, ma anche, al quale, non esita a ricorrere, a livello sociale, ogni potere ed ogni potenza allorché intenda indurre la gente a perseguire un ideale, ad inseguire un sogno, a realizzare un principio o a rimanere fedeli a particolari ideali.

Invero, però, una vita di sole felicità promesse, rischia di stancare, di venire a noia, di deprimere ancora di più di una delusione alla fine della felicità raggiunta.

Ed ancora, puntare solo su una dimensione della felicità, trascurando tutte le altre, la svilisce, non rende ragione della sua affascinante e seducente complessità.

Ad una felicità unicamente spirituale o contemplativa manca tutta la gioia tattile, la seduzione relazionale, la dinamicità attiva. Ad una felicità edonistica, narcisistica, manca la dimensione empatica, comunicativa (cum moenia, mettere all’interno delle nostre mura, condividere…)

Riflettendo sulla sentenza di Aristotele, si può giungere all’idea di una felicità olistica, non demandata, deferita, ma anche tangibile, esperibile ed, attualmente, vissuta.

L’attualità culturale della frase dello Stagirita, è anche nel discorso della soddisfazione dei bisogni e delle aspirazioni mondane. 

Uno dei principali cambiamenti subiti dal mercato negli ultimi tempi è proprio il fatto che i prodotti non sono più proposti come merci per soddisfare bisogni (intesi secondo la scala di Maslow e, perlopiù, come esigenze primarie, per la sopravvivenza) ma come esperienze che vanno a cercare di colmare l’infinito pozzo dei desideri.

Le aspirazioni mondane sono, oggi più che mai, un incessante turbinio di opportunità con le quali ci dobbiamo continuamente confrontare per decidere e scegliere, con più o meno contezza di quanto stiamo compiendo, il nostro futuro.

Una felicità monca, ad una dimensione, perde tutte le infinite sfumature che le rendono un’esperienza unica, indimenticabile, capace di trasformare la nostra esistenza, di illuminarla, di donarle un nuovo significato…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: