Il segreto della seduzione è abbassare la voce

La comunicazione non verbale ha un ruolo centrale in tutte le relazioni interpersonali. Spesso ricorriamo a strategie di comunicazione non verbale in modo istintivo così come, altrettanto in modo istintivo, riusciamo a decodificare i messaggi impliciti che ci lanciano gli altri.

Vari studi si stanno prodigando per cercare di capire anche il funzionamento della comunicazione non verbale così da consentirci di avvalercene in modo più consapevole ed efficace nella vita quotidiana ed anche nelle situazioni extra-ordinarie come nella raffianta arte della seduzione di un potenziale partner.

La voce è uno degli aspetti fondamentali nella seduzione che si va ad accostare al rituale di “pavoneggiarsi”, al flirtare ed ai giochi di sguardi.

Abbassare la voce può essere una strategia di comunicazione non verbale e, quindi un segnale “criptato”, per indicare al partner un’attrazione nei suoi confronti.

Susan Hughes dell’Albright College commentando i risultati di uno studio sostiene che “Abbiamo trovato che entrambi i sessi, quando parlano ad una persona dalla quale sono sessualmente attratti, tendono ad abbassare il tono della voce ed a dimostrare un maggiore coinvolgimento psicologico mentre parlano”

A dimostrarlo sarebbero i risultati di una ricerca compiuta su 48 studenti.  Ai ragazzi è stato chiesto di parlare con Skype a delle persone di sesso opposto del quale vedevano un’immagine fittizia. L’intento era di registrare le alterazioni del loro tono di voce al variare del livello di attrazione e di seduzione che potevano generare le presunte fattezze fisiche del loro interlocutore.

L’ipotesi di Hughes era che le donne avrebbero alzato il tono della voce per sembrare più femminili ed attraenti, ma l’esito dello studio è stato diametralmente opposto.

Per apparire più seducenti, le donne abbassavano il tono, invece di alzarlo. Perchè?

“Sembra che ci sia uno stereotipo comune nella nostra cultura che ritiene una voce femminile sia sexy quando sembra un respiro e, quindi, quando ha un tono basso. Questo ci aiuta a spiegare perchè si potrebbe creare una contraddizione tra il tentativo di utilizzare un suono più sexy abbassando il tono, ed il desiderio di avvalersi di un suono più femminile, quindi acuto.”

L’analisi pare, dunque, suggerire che la manipolazione della voce femminile sia un comportamento appreso basato sugli stereotipi sessuali.

“Quando una donna abbassa naturalmente la voce può essere percepito come un tentativo di sembrare più seducente ed attraente perciò diventa un segnale del suo interessamento affettivo”, conclude Hughes.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: