Nuova cintura di castità il condom femminile antistupro?

La cintura di castità, uno strumento medievale, ha sempre avuto una duplice valenza.

Da un lato era ed è simbolo del potere dell’uomo sulla donna, dall’altro, per secoli, in periodi di barbarie e sopprusi di ogni tipo, è stato anche custode del bene muliebre più prezioso, la verginità.

Oggi, nell’era del Wellthiness, della femminilizzazione, dell’empowerment della donna, mentre alcuni gruppi, stanchi dell’orgia di sessualità indiscriminata promossa da una cultura edonistico-carnale, iniziano a dare di nuovo valore alla verginità, pare stia anche ritornando in auge una nuova cintura di castità-condom che enfatizza proprio la seconda declinazione, preservativa, dell’antico strumento.

Quindi, nella sua ultima versione, la cintura di castità diventa uno strumento per preservare le donne dagli abusi sessuali.

Un profilattico femminile antistupro?

L’idea è stata lanciata da Sonnet Ehlers, una dottoressa sudafricana che, a fronte di un quarto della popolazione femminile nel suo paese, ha deciso di porre rimedio a partire dalle donne stesse.

 L’idea è nata da una paziente che le ha detto: Se solo avessi avuto dei denti nelle mie parti intime…”

Così la dottoressa ha inventato il Rape-aXe ricoperto di finissimi uncini che, in caso di violenza, si attaccano all’organo genitale dell’aggressore. per poterlo rimuovere, l’unica soluzione è di andare in ospedale, il che lo identificherebbe immediatamente come un criminale.

Il meccanismo causa un fortissimo dolore al violentatore che consente alla vittima, secondo Ehlers, di fuggire.

I condom antiviolenza sono oggetto di una nuova campagna in Sud Africa dove ne verranno distribuiti gratuitamente 30 mila in concomitanza con i Mondiali di Calcio per evitare l’incremento di stupri previsto.

Mentre alcuni sono entusiasti della trovata, non mancano, però, nemmeno le polemiche e le critiche.

Gli attivisti dei diritti per la donna si interrogano se ciò non finisca per peggiorare la situazione innescando una reazione ancora più cruda e violenta del malintenzionato.

E se altri sospettano che lo strumento possa venire utilizzato come arma contro uomini innocenti, non mancano nemmeno le voci che lo identificano come una nuova forma di cintura di castità: “Le donne dovrebbero indossarlo in ogni momento della loro vita” commenta Lisa Vetten, del Centro sudafricano per lo studio della violenza.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: