Abby e Britty il paradigma dell’In-divisus

Proseguendo nella riflessione sulle due gemelle siamesi, la loro avvincente storia è la più palese dimostrazione di come l’In-divisus  gestisce le sue tre principali sfere esistenziali, ossia il rapporto con il proprio Sè, con il proprio mondo circostante e con il mondo in generale.

E mostrano come si possa uscire dall’empasse della dicotomia tra individualismo Occidentale e panteismo Orientale trovando una soluzione inscritta in un’ottica di unità-nella-molteplicità.

Procediamo per ordine.

La sfera del Sè.

Nella cultura Occidentale esiste un Sè, un’individualità che rende ciascuno di noi un essere a se stante, libero, auto-diretto, indipendente ed, in linea di principio, radicalizzando il concetto, autonomo o, persino, autarchico rispetto a tutti gli altri.

♦ Nella cultura Orientale, non c’è una soggettività, la nostra individualità è una mera illusione, siamo semplici increspature del mare dell’essere destinate, proprio come le onde dell’oceano, dopo poco tempo a scomparire, confondendosi con il resto dell’acqua. Tutto è collegato a tutto e tutto è in tutto e la falsa idea della possibilità di tirarsene fuori è la fonte di ogni dolore, di ogni male e sofferenza.

♥ Abby e Britty vivono e si considerano due persone distinte. Il fatto che abbiano caratteri, gusti, sogni, ma anche parte dei propri organi distinti, che ciascuno comandi, indipendentemente, la propria parte del corpo, depongono in favore della loro In-dividualità.

Ipoteticamente, la loro vita potrebbe proseguire anche da separate. Sarebbero due persone ed individualità distinte, due anime e menti distinte, in due semi-corpi distinti. Ovviamente ciò implicherebbe il ricorso a protesi per supplire agli arti e le parti del corpo mancanti.

Ma, come sottolineano esse stesse, confermando il consenso alla scelta compiuta sedici anni fa dai loro genitori, una loro eventuale separazione non consentirebbe loro vivere tutte le esperienze che oggi reputano “normali”.

Non potrebbero giocare a baseball nè guidare, avrebbero molte difficoltà a relazionarsi con gli altri e, quindi, la loro esistenza sarebbe meno ricca, più limitata, sarebbe una vita a metà.

Quindi, la loro perfetta simbiosi, lungi dall’essere un vincolo, un ostacolo, una violazione dell’individualità, è, invero, una forma superiore di vita, l’espressione fisica di una realtà meta-fisica.

Di fatto, tutti noi siamo individui unici ed irripetibili e, nel contempo, non possiamo pensarci né credere di riuscire a sopravvivere in modo indipendente. Abbiamo bisogno degli altri così come gli altri di noi, e il nostro contributo, per quanto minimo ed insignificante, in positivo o in negativo, ha un effetto particolare sul mondo .

La sfera del “mio mondo” 

♣ Nella cultura Occidentale, come insegna la sua radicalizzazione dell’individualismo,  noi costruiamo il nostro mondo circostante, la nostra vita in modo autonomo in una logica di mors tua vita mea o di homo homini lupus. Aggressività, egoismo, ego-centrismo ci portano a vivere la nostra condizione umana in modo eroico, come una costante guerra contro tutto e contro tutti, una lotta nella quale sopravvive solo il più forte. Una condizione nella quale abbiamo una sola chance, che ci dobbiamo giocare fino in fondo.

♦Nella cultura Orientale c’è una certa atarassia, una certa indifferenza nei confronti dell’al di qua e dell’attuale esistenza, perchè quanto non si realizza ora si potrà magari concretizzare nella successiva.

♥ Abby e Britty ci mostrano non solo che ciascuno di noi ha un suo ruolo nel mondo, ma anche che deve costruire il suo piccolo universo di prossimità imparando ad armonizzarsi con le persone circostanti. 

Per sopravvivere dobbiamo riuscire ad armonizzarci con noi stessi, dobbiamo amarci per ciò che siamo, con i nostri limiti, e, nel contempo, a coordinarci con gli altri. 

La sintonia, la sinfonia, l’empatia, la collaborazione sono insegnamenti fondamentali che provengono dalle due gemelle che tutti abbiamo potuto apprezzare e che sappiamo essere fattori determinanti nella ricerca del Wellthiness.

La sfera del “mondo” 

♣La visione eroica Occidentale mette l’individuo in primo piano come un condottiero che sfida tutto e tutti.

♦La prospettiva Orientale prevede un mondo, un essere, una realtà assoluta che permea tutto e tutti, creando una costante circolazione di vite, di energie, di elementi… nella quale c’è una certa indifferenza nei confronti del singolo individuo. L’importante è che il sistema si mantenga ed, eventualmente, il sistema stesso riesce ad autoripararsi.

♥ Abby e Britty sono la prova vivente che la presenza dell’altro non è facoltativa nè può essere sostituita, senza una radicale ristrutturazione dell’esperienza. L’atteggiamento empatico, l’interconnessione, il networking, i discorsi sulla coscienza collettiva vanno tutti nella direzione di un’unità-nella-molteplicità. Un nuovo modo di concepire l’In-dividualità in senso olistico, non sganciata da tutto il resto, ma come sua parte integrante ed insostituibile.

Non si tratta di una visione nella quale la rete delle relazioni, dell’energia, delle interazioni, dei rapporti, in fin dei conti, è indifferente e riesce a supplire senza problemi la parte mancante, come avviene, per esempio, in alcuni sistemi complessi. Tutti abbiamo una dignità, un ruolo, un compito e ogni nostra azione influenza il resto dei multiversi, quindi abbiamo una responsabilità oltre che personale-individuale e sociale-emotiva, anche morale-spirituale.

Abby e Britty ci insegnano, dunque, che l’In-divisus non è una torre solitaria in un deserto ma, è legata ad una fortezza che, a sua volta, è inserita in un sistema di fortificazioni tutte in comunicazione tra di loro.

Annunci

Una Risposta to “Abby e Britty il paradigma dell’In-divisus”

  1. […] Wellthiness , l’individualità e l’interdipendenza, oltre alle dolcissime ed armoniose Abby e Britty, ai possenti Donnie e Ronnie, alle piccole Tatiana e […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: