La mamma più vecchia del mondo è grave: questioni di bioetica e Wellthiness

La maternità è un’esperienza topica nella vita di una donna, un passaggio di grande intensità che ha un impatto notevole su tutte le dimensioni del Wellthiness.

Biologicamente è il momento che dà senso all’esistenza, che la proietta nel futuro consentendo alla specie di non estinguersi.

Spiritualmente è la garanzia che la memoria (genetica, esperienziale, valoriale,…) dei genitori non si estinguerà.

In alcune culture non avere una discendenza è un’onta che attira sulla donna stigma e vergogna.

Le nuove frontiere dell’inseminazione artificiale ed una serie di inediti trattamenti hanno reso possibile il superamento di  molti fattori che portano all’infertilità e reso possibile anche gravidanze in età sempre più matura.

Ammesso che, fisicamente, sia stata spostata in avanti la soglia della possibilità di riprodursi, dieventare genitori da anziani comporta anche una serie di problematiche a livello etico, morale, sociale, relazionale che si intersecano con considerazioni ed inevitabili problematiche.

Avere un figlio in tarda età significa che, per quanto si possa auspicare di vivere a lungo, si rischia di lasciarlo orfano da adolescente, rende ancora più marcato il gap generazionale…

Si tratta, dunque, di una responsabilità molto grave che ci si prende sulle spalle e che dovrebbe essere affrontata in modo non egoistico, ma avendo ben presenti sia le complicazioni fisiche che può comportare un parto maturo sia le conseguenze che ciò può avere sul nascituro.

Paradigmatico, a tale proposito, è il caso di Rajo Devi Lohan, la mamma più vecchia del mondo che, a 18 mesi circa dalla nascita della propria figlia,  versa in condizioni disperate.

Rajo Devi Lohan, una donna di 72 anni, malgrado sia estremamente debole per le complicazioni dopo la sua controversa gravidanza, si considera ancora la mamma più felice del mondo.

“Ho sognato di avere un figlio per tutta la vita. Non mi importa di stare male, perchè ho vissuto a sufficienza per riuscire a diventare una madre”, ha dichiarato la donna ad un’intervista al The Sun.

Dopo 55 anni di matrimonio, la donna, sottoposta ad un’apposita cura di fertilizzazione, IVF, il 28 novembre 2008, ha dato alla luce una bambina sana, diventando la seconda madre  over 70 in India. La prima era Omkari Panwar che, a 70 anni aveva avuto due genmelli.

Devi ora è costretta a letto, troppo debole  per parlare o sollevare la sua piccola creatura avuta a 70 anni.

Lohan e suo marito sono gente umile, contadini che non si rendono conto dei rischi di avere un figlio in tarda età.

“Il medico non mi ha mai detto che fosse pericoloso avere un figlio alla mia età. Prima stavo benissimo, ora sto male”

Dopo il parto cesareo, la donna ha sofferto di gravi emorragie interne per la lacerazione dell’utero ed ha dovuto subire un altro intervento chirurgico per rimuovere le ovaie. I due interventi l’hanno indebolita e spossata.

Inoltre, ha completamente ignorato il consiglio del medico di restare a letto per riposarsi.

Così, ora, sua sorella Omi, si deve occupare della piccola figlia di 18 mesi.

La coppia non si preoccupa della bambina perchè sa che i loro parenti si prenderanno cura di lei.

Anurang Bishnoi, il medico che sta curando la donna, sostiene che i suoi problemi non siano correlati al parto in tarda età.

“Anche se la sua salute sta deteriorando, almeno morirà in pace. Non subirà l’onta di essere senza eredi”, ha detto il medico.

Peter Bowen-Simpikins, direttore sanitario della London Women’s Clinic, ha commentato il fatto: “Ogni donna che mette il suo corpo, a più di 70 anni, nelle condizioni stressanti di una gravidanza, è ovvio che mette in pericolo la sua vita”.

Annunci

4 Risposte to “La mamma più vecchia del mondo è grave: questioni di bioetica e Wellthiness”

  1. Rossana Says:

    Ho pensato molto a questa storia e sono arrivata alla conclusione che non posso e non devo giudicare questa donna.

    La mia condanna invece è rivolta ai medici.

    Una vita, fatta di stenti e di povertà. Dopo le emorragie è tornata a lavoro accovacciata a prendere il latte di bufala.
    Unica gioia avere un figlio.
    Qualcuno ora si prenderà cura di Naveen. Qualcuno da grande gli racconterà la sua storia e forse Naveen amerà ancora di più sua madre, di certo non la odierà.

    Che ne sappiamo della vita degli altri …? Che cosa è giusto e cosa è sbagliato… ?

    • L’amore, il desiderio di avere un figlio e l’essere disponibili a donare la vita per la propria creatura sono sempre un grande insegnamento di vita da ammirare e da contemplare.
      L’aspetto più triste e da condannare della vicenda è il cinismo e la spregiudicatezza del medico che, come pare si possa dedurre anche dalle sue stesse parole e da quanto sostengono i suoi esimi colleghi disinteressati, pur di superare il record della donna più anziana, non ha esitato…

  2. antonella Says:

    Qui’ si arriva a un estremo. 70 anni sono un eta’ assurda. vero che nessuno puo’ giudicare, dobbiamo considerare anche le culture di altri paesi in cui la donna sterile viene ripudiata dal marito, la sociata’ stessa la condanna come essere inferiore, una maledizione, dandole una colpa. Ecco che per lei essere riuscita a diventare madre diventa un deterrente per morire in pace. Il medico ottiene i privilegi di un record…a pagarne le spese comunque sara’ la figlia che si ritrovera’ orfana troppo presto…

  3. CApisco il desiderio di diventare madre .ma non potevano provarci prima? insomma queste persone che vogliono a tutti i costi un figlio dopo i 70 anni sono molto coraggiose è vero ma non pensano alle conseguenze? e se poi come in questo caso le cose si complicano il bambino a chi viene laciato?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: