Possiamo (pre-)”vedere” il futuro

Una costante interculturale è la credenza, più o meno antica ed ancora ritenuta valida, che, in qualche modo, possiamo pre-vedere il futuro.
Alcuni parlano di sesto senso, altri pensano a doti magiche,  a facoltà divinatorie, alla profezia, alla veggenza… malgrado presentato ed interpretato in modo diversi, il denominatore comune è il forte desiderio dell’uomo di riuscire a sapere in anticipo quanto accadrà.
  
L’argomento tanto antico quanto ancora estremamente affascinante, non lascia indifferenti nemmeno gli scienziati che non esitano a domandarsi se gli eventi che non hanno ancora avuto luogo possano influenzare o meno il nostro comportamento?
E la risposta di un recente studio pare affermativa.
Per anni, i parapsicologi hanno compiuto una serie di bizzarre affermazioni riguardo al fenomeno della precognizione, ossia della conoscenza di eventi futuri imprevedibili.
L’ultimo atto della vicenda, che verrà pubblicato nel Journal of Personality and Social Psychology, descrive una rosa di esperimenti che coinvolgono più di 1000 studenti volontari.
Daryl Bem della Cornell University ha preso vari fenomeni psicologici ben noti ed ha, semplicemente, invertito la sequenza dei fatti che li compongono, posticipando l’evento generalmente considerato come la causa del comportamento da testare.
In un esperimento è stato mostrato a degli studenti un elenco di parole e poi chiesto a loro di ricordare le parole viste. Quindi è stato detto a loro di scrivere le parole selezionate in modo casuale dall’elenco stesso.
Stranamente, i ragazzi si sono dimostrati più inclini a ricordare le parole che avrebbero più tardi dovuto scrivere.
In un altro studio, Bem adattato una ricerca sull'”adescamento”, ossia l’effetto di una parola subliminale sulla risposta di una persona a un’immagine.
Così, proiettando la parola “brutto” in modo tanto rapido che l’occhio non riesca a vederla ma il cervello la rileva, il soggetto impiega più tempo a giudicare piacevole la foto di un gattino, rispetto a quando viene proiettato il termine bello”.
Eseguendo il suo esperimento di risalire alle fonti, Bem ha trovato che l’effetto “adescamento” sembrava funzionare sia a ritroso nel tempo sia nella concatenazione sequenziale ordinaria.
Gli effetti che ha registrato sono piccoli ma statisticamente significativo.
In un altro test, ai volontari è stato chiesto di dire in anticipo quale di due posizioni avrebbe avuto lìimmagine erotica che stava per comparire sullo schermo di un computer.
La posizione dell’immagine era selezionata in modo casuale, ma i volontari hanno indovinato nel 53,1 per cento delle volte.
Annunci

2 Risposte to “Possiamo (pre-)”vedere” il futuro”

  1. potete dirmi il mio futuro…………..?????

    • Ciao, se potessi, ne sarei molto felice. Tieni presente, però, che gran parte del nostro futuro, anche se non ce ne rendiamo conto, è nelle nostre mani. Quindi inizia a pensare come vorresti che fosse, poniti degli obiettivi, impegnati per realizzarli e non lasciarti, fatalisticamente, trascinare e viver dagli eventi.
      A presto 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: