Jet lag sociale: ecco perchè è tanto “duro” riprendere dopo le vacanze

Le vacanze di Natale sono ormai finite, ma perchè ci risulta così difficile riprendere l’attività usuale?
A rispondere sono gli scienziati convinti che la lunga pausa delle vacanze di Natale e capodanno, porta molti a soffrire di una particolare sindrome: il ‘jet lag sociale’.
Perchè ci viene? Che sintomi ha? Come possiamo prevenirlo, almeno nelle prossime vacanze?
Il periodo di ferie ha sconvolto il nostro orologio biologica e, perciò, molti di noi soffrono di sintomi simili a quando, viaggiando, cambiamo fuso orario.
Se a tutto ciò aggiungiamo il fatto che ci sentiamo giù per la fine delle feste, è abbastanza intuitivo capire perchè aumentano notevolmente le emozioni negative, nella ripresa.
Inoltre, dopo due settimane di sonno irregolare è altrettanto  naturale che diversi lavoratori si sentano stanchi e poco brillanti.
Il ‘jet lag sociale’ si rivela nella fatica ad alzarci al mattino, nella sensazione di essere quasi rallentati, nella difficoltà ad addormentarci alla sera e nella sonnolenza durante il giorno.
Altri sintomi includono l’indigestione, la perdita di appetito, la difficoltà di concentrazione, problemi di memoria, confusione, senso di malessere generale, mancanza di energia, stanchezza ed irritabilità.
“Durante il periodo di Natale apprezziamo stare alzati fino a tarda notte e, poi,  rimanere a letto al mattino. Questo fa sì che il nostro orologio biologico si attivi più tardi, proprio come quando voliamo in un paese a ovest del mondo, con un paio di fusi orari prima del nostro”, spiega Victoria Revell, una ricercatrice dell’Università di Surrey.
“Questo significa che quando si torna a lavorare nel nuovo anno il nostro orologio biologico è programmato per due ore più avanti di quanto ci serve e, così, siamo costretti veramente a lottare per svegliarci, alzarci ed andare avanti, la mattina.”
“Un modo per goderci le feste natalizie, ma non lasciate che il nostro orologio biologico si sposti troppo lontano è di prendere l’impegno di alzarci ad un orario ragionevole anche se non andiamo a lavorare.”
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: