La ragazza che mangia sapone: Pica uno strano disturbo alimentare

Ci sono certe malattia che possono indurci a compiere dei gesti anomali i quali attentano al nostro Wellthiness.

Negli Stati Uniti, un’ adolescente è vittima di una strana patologia che la porta a consumare fino a 5 saponette a settimana.

I medici sono molto preoccupati per la sua salute perché temono che una simile abitudine stia mettendo in serio pericolo la sua vita.

Temptest Henderson è una ragazza di 19 anni della Florida che studia per diventare infermiera.

Le è stata diagnosticata una rara condizione chiamata “Pica”, dal latino magpie, la gazza, un uccello che si ritiene mangi di tutto.

Pica suscita un forte desiderio nelle persone di mangiare elementi prevalentemente non-nutrienti o un appetito anormale per gli ingredienti base del cibo. Perciò, chi soffre di un simile disordine tende a consumare metalli, argilla, gessetti, carbone, feci, penne, matite, muco, gomma, spazzolini da denti, sapone… oppure farina, patate e riso crudi, amido, cubetti di ghiaccio, sale…

Affinché tali azioni rientrino nella categoria dei comportamenti Pica è indispensabile che si protragga per più di un mese e si verifichi ad un’età nella quale il consumo di tali sostanze sia da considerare evolutivamente inappropriato.

Il disturbo alimentare Pica si può manifestare ad ogni età con una maggiore frequenza nelle donne gravide, nei bambini piccoli ed in chi ha problemi di disabilità evolutive, in particolare, chi è affetto da disturbi mentali come l’autismo.

Una serie di studi scientifici ha cercato di identificare le cause del disordine Pica ed ha scoperto che alla sua base può esserci una carenza di minerali  come il ferro, talvolta collegata alla celiachia o ad infezioni come l’anchilostomiasi (vermi).

Non di rado le sostanze ingerite da chi soffre di Pica contengono proprio i principi dei quali è deficitario il loro organismo.

Di recente sono, pi, stati scoperti vari casi di Pica direttamente collegati a comportamenti ossessivo-compulsivi ed, attualmente, è riconosciuta come un disordine mentale.

Per cercare di chiarire un fenomeno tanto anomalo sono state date anche spiegazioni di tipo sensoriale, psicologico, culturale, psicosociale.

È stato suggerito che le condizioni di salute mentale, quali i disordini ossessivo-compulsivi e la schizofrenia possono, talvolta, indurre comportamenti Pica.

Altri ritengono che a provocarli possa essere lo stress associato ad un qualche evento traumatico come la mancanza dell’amore materno, la separazione dei genitori, o la loro incuria, l’abuso infantile, lo scarso dialogo ed interazione tra genitori e figli.

Ma non mancano nemmeno esempi che rimandano ragioni culturali, non necessariamente a disordini o carenze, per giustificare i comportamenti Pica.  L’ingestione di caolino tra le donne afro-americane in Georgia o in Africa è classificata come una sindrome culturale e non associata ad altre forme psicopatologiche.

Ritornando a Temptest Henderson, la sua dipendenza pare sia iniziata quando ha immerso le dita nel detersivo e, dopo averlo assaggiato, ne ha apprezzato il gusto dolce e salato. Malgrado si sia resa immediatamente conto che la sua abitudine fosse molto pericolosa, non riusciva a rinunciarvi, quindi ha pensato di chiedere un’assistenza medica, ma solo dopo sei mesi.

Attualmente i medici l’hanno messa in terapia intensiva cognitivo-comportamentale nella quale cercano di aiutarla a sviluppare una serie di pensieri alternativi e sostitutivi che, con molta probabilità, dovrebbero impedirle di avventarsi in modo compulsivo sul sapone.

Gli psicologi ritengono che la ragazza abbia iniziato a mangiare sapone, come un meccanismo di compensazione, quando di è allontanata da casa per seguire gli studi di infermieristica.

Il suo commento alla strana patologia che l’affligge è: “Si tratta di una particolare forma di dipendenza, non riesco a smettere. Ho cercato l’aiuto di un medico specializzato in dipendenze, per vedere di uscirne. Il medico mi ha detto che non posso tenere in casa nessun tipo di detersivo o di sapone per evitare che si inneschi la mia dipendenza.”

Al memento, la ragazza pare si stia riprendendo e sta ritornando a casa dalla madre.

Annunci

Una Risposta to “La ragazza che mangia sapone: Pica uno strano disturbo alimentare”

  1. […] Qualche mese fa, a tale proposito, avevamo visto insieme la storia di una donna che mangia sapone. […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: