Satanismo: dall’occultismo alla religione il volto dell’occultismo

Satanismo, occultismo, esoterismo, magia nera… sono  realtà parallele con le quali l’uomo convive da millenni che, in un certo senso, stanno diventando di grande attualità che hanno, in modo più o meno diretto, un impatto sul nostro Wellthiness.

Il satanismo è un fenomeno antico e, nello stesso tempo, antichissimo e molto recente.

Alcuni lo pongono nella rosa delle religioni, altri lo declassano a semplice setta, per alcuni è uno stile di vita, per altri, semplicemente un fenomeno musicale.

Invero il satanismo è un fenomeno molto complesso, spesso, liquidato con la semplice associazione di idee con le persone che praticano messe nere, culti di sangue, magia nera, atti di violenza e criminosi.

Invero, al suo interno si possono distinguere diverse correnti tra le quali si distinguono almeno quattro diversi gruppi.

IL SATANISMO RELIGIOSO O TRADIZIONALE

È una corrente che si pone in netta antitesi al Cristianesimo e che crede  nell’esistenza di una divinità personale, il Principe delle Tenebre, che celebrano definendolo con diversi nomi. Il gruppo più noto e è il Tempio di Set con una vaga connessione al Neopaganesimo. Il centro del culto è l’antico dio maligno egizio Seth.

I Luciferini sono, invece, una reinterpretazione attualizzata del Manicheismo che venerano Lucifero come un principio necessariamente complementare a Dio. Per inciso il manicheismo era la religione fondata da Zoroastro, Zerdust o Zaratustra, che predicava l’eistenza di due principi contrapposti (bene-male, luce-tenebre, vita-morte). Una speciale laicizzazione del Manicheismo ha fondato la logica dicotomica alla base di gran parte del pensiero occidentale e, soprattutto della sua versione moderna con la classica antitesi o… o.

Il riferimento diretto alla Bibbia e si ritrova, invece, nei satanisti occultisti, alfieri di un radicale sovvertimento dei valori propri del Cristianesimo.

 

IL SATANISMO RAZIONALISTA O NICHILISTA

Agli occhi del cattolicesimo coincide con  l’ateismo mentre gli atei stessi lo etichetano come nichilismo.

Inutile dire che possiamo leggere in trasparenza uno spirito profondamente postmoderno in tale tendenza.

Il suo credo è estremamente materialista, edonista, anticristiano ed umanista.

Malgrado non professi il culto in nessun tipo di divinità, i suoi adepti si riferiscono a “satana” come simbolo della ribellione contro il cristianesimo, i suoi valori  ed il suo Dio.

Per i seguaci del satanismo razionalista e nichilista va combattuto tutto ciò che si riconduce all’ideologia cristiana, all’oscurantismo che sembra a loro mortificare l’uomo e privarlo di ongi valore.

Nella loro ottica l’uomo deve essere divinizzato e celebrato con un culto che lo elevi sopra di ogni cosa.

Il gruppo dei satanisti filosofici, fondato da Anton La Vey, nel 1961 negli Stati Uniti, è noto come il “Circolo Magico”.

Questi satanisti praticano la magia e l’occultismo, nega l’esistenza dell’anima e dell’aldilà.

 

IL SATANISMO ACIDO

È il noto fenomeno delle Bestie di Satana nel quale convrgono gruppi di persone e singoli che mettono in pratica rituali criminosi, azioni violente, abuso e spaccio di stupefacenti, profanano  cimiteri.

Tutto ciò viene compiuto nel nome di satana e contro il Dio cristiano.

IL SATANISMO SPIRITUALE

Gli adepti del satanismo spirituale adorano Satana (Enki per i sumeri) in quanto capo della spedizione degli Anunnaki (popolo del pianeta Nibiru) sulla Terra. Zecharia Sitchin è ritenuto il padre ancestrale della setta.

Il gruppo si ditingue dai satanisti tradizionali perché non crede nell’esistenza del Dio cristiano e lo ritengono una figura fittizia.

Gli spiritualisti hanno un rapporto diretto ed individuale con Enki e l0intera schiera dei Demoni. Pertanto non hanno ministri del culto, guide spirituali e/o messe nere.

La loro prerogativa è di rispettare fedelmente a legge, di aborrire i sacrifici, specialmente se di sangue e che coinvolgono esseri viventi. Il loro motto è “Responsabilità al Responsabile”.

I satanisti spirituali meditano, studiano la magia e la praticano, con l’aiuto di Demoni e/o di altre divinità inferiori.

Il loro obiettivo ultimo è che ognuni uomo riesca a divinizzarsi, a diventare un “Dio”, e quindi ogni adepto troverà il suo cammino per avanzare nella propria esperienza e nelle proprie abilità per perfezionarsi e purificarsi.

Al termine della vita i satanisti spirituali credono di dovere attraversare varie fasi per consentire alla propria anima di raggiungere il “Magnum Opus”, l’ultimo stadio che consiste nella trasformazione dell’anima in divinità.

 

SATANISMO

Il “satanismo moderno”, fondato da Anton LaVey, creare una contro-teologia del satanismo, attingendo a pienemani dalla demonologia ebraica e cristiana nonché di antichi culti pagani. A partire da questa organizzazione originaria, in varie parti del mondo occidentale sono sorte organizzazioni o vi sono comunque state persone che si sono, più o meno consapevolmente ed esplicitamente, richiamate alle teorie di LaVey.

Un rapporto sul satanismo in Italia dell’ormai lontano 2007 voleva attive in Italia più di 500 sette sataniche (intendendo per “sette” anche singoli individui e/o gruppi virtuali.

DEFINIZIONE DI SATANISMO

Sempre nel Rapporto sul satanismo del 2007 si legge la seguente definizione di satanismo:

Dottrina che elabora una serie di azioni rituali che hanno per oggetto l’adorazione della componente negativa della teologia giudaicocristiana (quando non e’ uno scimmiottamento), ma il cui fine e’ la ribellione totale all’etica, alla morale naturale e all’ecosistema. Il satanismo ha un flusso privilegiato con la magia nera e gli interscambi sono frequentissimi. Nel satanismo attuale sono confluite correnti transculturali e rituali come lo yu-yu africano e le sue derivazioni afro-brasiliane che hanno peggiorato le tecniche rituali, come il woodoo, la santeria e la neostregoneria, fondata in Inghilterra da Richard Gartner. La derivazione satanica e’ anche impostata sugli scritti delle sètte piu’ antiche e dei loro nomi di riferimento: Boullan, Crowley, Wilson, Russel, Huysman, Ducas, Taxil, Barton, Aquino, Philips Lovercraft, Goethia, R.G. Pascal. Il satanismo non e’ la tipologia piu’pericolosa, ma le sue tecniche sono molto piu’ pesanti e distruttive perche’ vengono usate per far emergere i lati impulsivi ed incontrollati del soggetto; per esempio, l’uccidere per uccidere.

 DIFFERENZE TRA SATANISMO E DEMONISMO

Malgrado i due termini vengano spesso utilizzati come sinonimo, il satanismo è profondamente diverso dal demonismo

Il prrimo è una dottrina con seguaci, adepti e praticanti veri e propri.

Il secondo è, invece, una prospettiva che porta a vedere il demonio ovunque, in tutto ciò che accade, in ogni azione, dentro le persone.

È, dunque, un atteggiamento presente anche in molte realtà cattoliche.

Il demonismo, quindi,  è una deresponsabilizzazione dell’individuo, che spinge le persone a non considerare il proprio ruolo nella vita e le conseguenze del proprio operato attribuendo tutto al maligno, finendo così con il negare il libero arbitrio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: