UE preventivo allerta per eventiali contaminazioni del cibo giapponese

Carne, latticini e verdure sono i tre primi generi di alimenti a rischio in una contaminazione nucleare. Perciò non stupisce l’immediato allerta preventivo da parte di molti paesi.

Di fatto, il pericolo che i prodotti alimentari provenienti dal Giappone siano contaminati dalle radiazioni è limitato alla specifica area circostante all’impianto nucleare danneggiato, secondo una fonte dalla Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Gregory Hartl, portavoce dell’OMS a Ginevra, ha detto che se ci dovesse essere qualche pericolo, al momento, si tratta solo di un rischio a livello locale del rischio, pur aggiungendo che “se c’è qualche contaminazione, avrà un effetto solo sui prodotti che provengono da un’area all’interno di un raggio di 30 chilometri dallo stabilimento di Fukushima.”

Hartl ha, inoltre, dichiarato che l’Organizzazione sta lavorando con l’Agenzia Internazionale dell’Energia Atomica (AIEA) e del settore agricolo delle Nazioni Unite per raccogliere più informazioni sui rischi.

Nel frattempo, a carattere preventivo, l’Italia, temendo il pericolo di una contaminazione, per mano del Ministro della Sanità, ha vietato l’importazione di prodotti provenienti dal Giappone.

Solerte è stata anche la risposta dell’UE.

A seguito della crisi nucleare del Giappone, l’Unione Europea sta sollecitando gli Stati membri a verificare le importazioni di alimenti giapponesi per la radioattività. È stato emesso un allerta tramite il sistema di allarme rapido, nei confronti degli alimenti e dei mangimi provenienti dal Giappone” ha sottolineato il portavoce della Commissione europea per le questioni sanitarie, Frederic Vincent.

L’allerta chiede a chi si occupa dei controlli di informare le 27 nazioni dell’UE, se il livello di radiazioni dovesse superare le soglie autorizzate.

“I controlli sono compiuti su una piccola quantità di prodotti”, ha affermato Vincent, sottolineando che l’UE ha importato 9.000 tonnellate di frutta e verdura dal Giappone nel 2010. “L’Unione Europea importa anche minime quantità di pesce”, ha detto.

I timori di una vera catastrofe nucleare stanno aumentando a dismisura mentre il Giappone lotta per contenere la crisi nello stabilimento di Fukushima.

Guenther Oettinger, commissario all’European Energy, ha espresso il timore che la situazione possa peggiorare: “Siamo molto preoccupati e profondamente addolorati per le immagini che stiamo vedendo dal Giappone, e non siamo ancora alla fine di questa sequenza di eventi tragici e disastrosi di ampia portata”.

“Nelle prossime ore ci potrebbero essere ulteriori eventi catastrofici che potrebbero costituire una minaccia per la vita delle persone sull’isola”, ha detto ad una commissione del Parlamento europeo. “La situazione- ha aggiunto- è nelle mani di Dio”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: