Latte umano da vacche clonate?

Questioni di etica molto delicate. A fronte di: migliaia di bambini che muoiono di fame ogni anno; delle multinazionali alimentari che speculano sulla distribuzione di latte in polvere nel terzo mondo noncuranti degli effetti drammatici e devastanti di una simile operazione; delle difficoltà, per molte donne, di allattare; dell’importanza dell’allattamento per la crescita e la salute dei neonati… un latte umano prodotto da vacche clonate, è una notizia molto controversa.
 
È giusto ed etico? È pericoloso o salutare?
Di fatto, gli scienziati cinesi sostengono di avere modificato geneticamente le mucche in modo tale che producano latte “umano'”.
La notizia ha immediatamente fatto il giro del mondo sucitando, ora plausi ora timori.
A quanto pare,  hanno introdotto dei geni umani nelle vacche da latte per ottenere un composto con proprietà molto simili  al  latte materno.
I ricercatori credono che il latte dei 300 capi di bestiame nell’allevamento sperimentale, sia  in grado di fornire un’alternativa tanto al latte materno quanto al latte artificiale per neonati, che è spesso criticato come un sostituto con caratteristiche nettamente inferiori rispetto all”umano.
Li Ning, direttore dei Laboratori di Stato per AgroBiotechnology nella  China University, non esita ad affermare che il nuovo tipo di latte è sicuro come qualsiasi altro latte vaccino ordinario.
“Il nostro latte ha un gusto più forte rispetto al latte normale. Prevediamo che nel giro di dieci anni, la gente potrà tranquillamente acquistarlo al supermercato, come un qualsiasi altro prodotto”, sostiene Li.
I ricercatori so sono serviti della tecnologia della clonazione per  introdurre geni umani nel DNA di vacche da latte prima dio impiantare gli embrioni geneticamente modificati in mucche “surrogato”.
Gli scienziati cinesi sono convinti di essere in grado di creare mucche che producono latte contenente una proteina umana chiamata lisozima, che aiuta a proteggere i neonati dalle infezioni batteriche nei  primi giorni di vita.
Inoltre, hanno anche  creato mucche in grado di produrre un latte contenente  un’altra proteina umana chiamata lattoferrina, che aiuta ad aumentare il numero di cellule immunitarie nei bambini.
Sicuramente la notizia è interessante e non è corretto demonizzare a priori nessuna scoperta scientifica, così come chi la compie.
I cinesi stanno cercando una soluzione alla spinosa questione del costante aumento demografico e della progressiva riduzione delle disponibilità di cibo pro-capite.
Non dobbiamo, però, nemmeno dimenticare che non poco tempo fa i cinesi stessi hanno avuto serissimi problemi proprio per il latte che ha messo in pericolo la vita di molte persone, soprattutto di bambini. Nè possiamo scordare i vari scandali sempre legati al latte adulterato e prodotti casearei tossici messi in commercio sepre da spregiudicati industriali cinesi.
Se a ciò aggiungiamo il grande interrogativo sugli effetti reali che potrebbero (il condizionale è d’obbligo almeno finchè non ci sono studi che provino il contrario) avere prodotti di origine OGM, è naturale che la questione ci chiami a riflettere in prima persona, almeno in termini di principio…
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: