Sai Baba, amato e controverso guru, è morto prima di quanto avesse predetto

Il guru spirituale Indù, Sri Sathya Sai Baba, venerato da milioni di seguaci in 126 paesi al mondo come un dio vivente, è morto in un ospedale di Andhra Pradesh, malgrado abbia più volte sostenuto l’auto-profezia che sarebbe sopravvissuto fino a 95-96 anni di età, o, in altre versioni, sino a 92-93, invero, è deceduto a 86 anni.

Sai Baba è stato ricoverato in ospedale nella sua città natale di Puttaparti un mese fa ed è ufficialmente morto per insufficienza di molti organi.

I suoi adepti, stimati circa sei milioni, annoverano, tra gli altri, politici indiani di spicco e primo piano, magnati e stelle Bollywood che l’hanno immediatamente pianto.

I più lo ricordano come un uomo pio che ha lavorato indefessamente ed in modo disinteressato donando miliardi di dollari per aiutare gli altri nelle scuole e negli ospedali che ha costruito ovunque.

Nell’aura che lo circondava, gli sono stati attribuiti incredibili poteri sovrannaturali e mistici come la capacità di compiere miracoli, la capacità di materializzare, dal nulla, gioielli, orologi Rolex e “vibhuti” – una cenere sacra che i suoi seguaci mettono sulla fronte – non che di curare malattie terminali in casi estremamente drammatici.

Ma i critici razionalisti si sono prodigati in feroci campagne contro di lui, chiamandolo un ciarlatano e dichiarando falsi i suoi prodigi.

Tra le azioni di diffamazione nei suoi confronti, è circolata, a lungo, anche la voce di presunti abusi sessuali a carico dei propri devoti.

Ciononostante, il Primo Ministro indiano, Manmohan Singh, ha dichiarato che “la morte di Sai Baba è stata una perdita irreparabile per tutti”.  

“Sri Satya Sai Baba era un leader spirituale che ha ispirato milioni di persone a condurre una vita morale e significativa, anche se seguivano la propria religione”, ha proseguito Singh.

“La nazione piange profondamente la sua scomparsa.”

Andhra Pradesh, dove si trova Puttaparti, ha dichiarato quattro giorni di lutto, definendo Sai Baba “un simbolo di amore, affetto e passione.”

Nato 23 novembre 1926, come Sathyanarayana Raju, è stato considerato, da subito, un bambino dotato di una speciale inclinazione alla spiritualità e dotato di un’insolita l’intelligenza, espressa attraverso la musica, la danza e la scrittura di poesie e spettacoli teatrali.

Nel 1940, all’età di 14 anni, si è egli stesso dichiarato un “avatar”, o una reincarnazione, di un altro santone indù chiamato il Sai Baba di Shirdi, una città in stato occidentale di Maharashtra, morto nel 1918.

Mentre cresceva la fama del giovane guru attirando a sé sempre più adepti, il suo piccolo ed assopito villaggio di Puttaparti si è trasformato in una vibrante città anche grazie alla costruzione, nel 1950, della “Prashanti Nilayam”, di un un grande ospedale, un’università e varie scuole gestite dalla sua Satya Sai Central Trust , istituita nel 1972 con le donazioni dei devoti.

Ha poi aperto anche varie altre strutture e centri spirituali, per un totale di circa 8,9 miliardi dollari e forse molto di più, nelle città di Mumbai, Hyderabad e Chennai.

Ha costruito un altro ospedale a Bangalore, dove Sai Baba aveva una casa estiva, ed ha finanziato progetti di approvvigionamento idrico in vari stati dell’India del sud.

Negli ultimi anni, una serie di problemi di salute, aveva costretto Sai Baba a ridurre le apparizioni pubbliche.

È sopravvissuto ad un ictus e vari attacchi di cuore nel 1963.

Nel 2005 ha iniziato ad usare una sedia a rotelle, ed, un anno dopo, si era fratturato l’anca.

Alcuni sostengono che Sai Baba sia anche sopravvissuto ad un attentato, con sei devoti tra i quali il suo assistente personale è rimasto ucciso nella sua camera da letto, nel giugno 1993.

I fatti all’origine dell’episodio rimangono ancora un mistero.

“Con Sai Baba” conclude un adepto del guru “scompare, una grande guida spirituale, un uomo che ha lasciato un segno nel mondo”. 

Ma c’è anche il grande problema della sua eredità: non avendo avuto figli né designato un suo successore, molti prevedono vari problemi a gestire l’impero che ha costruito negli anni. 

Annunci

13 Risposte to “Sai Baba, amato e controverso guru, è morto prima di quanto avesse predetto”

  1. danindia Says:

    Sai Baba, è morto esattamente come aveva prestabilito.Lui aveva detto che moriva a 92 anni..e adesso ne ha 86 ..in teoria ,ma il quotidiano di delhi stamattina diceva che i suoi 86 anni contati da calendario solare in realta’ sono 92 anni da calendario lunare ….gli hindu usano maggiormente il calendario lunare…addirittura secondo il calendario hindu penso che siamo nel 2035..tutti i giorni sui quotidinai c’e’ scritta la data sia da calendario gregoriano(nostro che conta dalla nascita di cristo) e la data “lunare” ,non so se contano dalla venuta di Krisna o dal bUddha.
    Om Sai Ram a tutti

  2. Aldo Cannavò Says:

    Che Sai Baba fosse Avatar o no,non è importante.Quello che risalta dalla sua vita è che fosse Santo,anche se non Cristiano. Questo lo vediamo dai suoi frutti,dall’aver portato sulla via dell’amore spirituale molte persone e dai suoi piccoli miracoli,che dimostrano il suo contatto con Dio,che è unico per tutte le religioni anche se chiamato con nomi diversi.

  3. vorremmo scacciare cio che nessuno puo scappare guello che rimane eterno e il bene che le persone le vogliono cio non muore mai

  4. Lorenzo Says:

    In India le età si calcolano secondo il calendario sanscrito, dove un mese dura 27 giorni. (anche a livello astrologico ci quindi differenze nei segni).
    e secondo i calcoli del loro calendario è morto a 95 anni. Tutto nella norma quindi 🙂

  5. Lo hanno accusato di pedofilia, atti violenti, falsità, …. ma ciò che ne è rimasto di lui, oltre che un profondo Amore donato spassionatamente, sono le sue opere: scuole e ospedali ( i migliori istituti al mondo) e acqua …. grazie a lui …. sono gratuiti in India. Mi ero ripromesso di tornare in india per rivederlo …. ( ho avuto la possibilità di averlo ad 1 metro di distanza e vi garantisco che incrociando i suoi occhi si prova qualcosa di indescrivibile a parole …. ) ma forse sarà nella sua prossima reincarnazione . Sai Ram …

  6. Italicus Says:

    Non voglio contraddire nessuno, pero’ mi risulta che sia scritto in molti libri su di lui che sarebbe morto nel 2022, che lui parlasse di questa data. Pero’ se uno vuol credere ancora nella sua divinita’ ed infallibilita’ faccia pure! Io personalmente credo solo nella divinita’ di Gesu’ Cristo che ha dimostrato di essere figlio di Dio (Dio lui stesso) donando la sua vita in sacrificio (non malattia) e risorgendo il terzo giorno come previsto dalle sante profezie e come la scienza conferma da autorevoli studi sulla S.Sindone. Gesu e’ vivo ed operante basta invocarlo per accorgersene. Questo e’ morto e non tornera’ mai piu’!

    • Swami ha detto che avrebbe lasciato il corpo all’età di 96 anni.
      e’ nato nel 1926 e lo ha lasciato nel 2011, se noi calcoliamo l’anno lunare fino ad aprile 2011, avrebbe a quella data 96 anni non compiuti, ovvero 95 anni e 55 giorni.
      Poi coloro che lo hanno conosciuto ed avuto la fortuna del contatto, non si pongono questo problema.
      Per quanto riguarda i libri dove interpretano come dipartita il 2022, teniamo presente che non gli ha scritti Sai Baba, e non sappiamo da quale fonte li abbiano presi.

  7. marialulu Says:

    mese di 27 giorni quindi sai baba è morto a 95 anni? scusa ma i conti non mi tornano.

    • A dire il vero è due giorni che sto facendo ricerche ma non ritorna nemmeno a me la storia dei 27 giorni. Comunque, pare che Sai Baba, avesse anche dato una data che coincideva con gli anni dai mesi normali… 😉

  8. marialulu Says:

    comunque il mese lunare di 27 giorni è una vostra invenzione,perchè è di 29 giorni e rotti,perciò…

  9. Aldo Cannavò Says:

    Anche se Sai Baba avesse sbagliato la data della sua morte,nessuno può negare i suoi valori.L’importante è riconoscere il bene che ha fatto nella sua vita.Gli Hindù considerano Avatar (reincarnazioni divine) tutti i grandi guru. Quello che è certo è che in Lui agisse lo Spirito Santo,che secondola Bibbia “soffia dove vuole”.Il suo sentirsi Avatar,conferma che lo Spirito Santo era in Lui,come lo è in qualunque persona che agisce per il bene dell’umanità. Sappiamo per fede che Dio è in ogni uomo. La differenza consiste nel farlo agire o nel soffocarlo,poichè Dio dà ad ogni uomo,in nome della libertà,la scelta di decidere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: