Perchè i capelli grigi stanno ritornando di moda?

Sino a poco tempo fa, la maggior parte delle donne ha tentato in ogni modo di camuffare i capelli grigi.

A prosperare su tale tendenza sono state molte case che hanno messo sul mercato vari prodotti coloranti e coprenti.

Ora, uno sparuto gruppo di trend setter sta lanciando una nuova moda che riporta in auge i capelli grigi, ossia la tinta a lungo aborrita e considerata discutibile se non disdicevole.

A capo del movimento grigio ci sono dalla celebrity Kelly Osbourne a Pink, da Lady Gaga a Ruby Rose.

Seguendo il loro esempio stanno notevolmente aumentando la domanda di tonalità di grigio e lilla, un tempo riservata alle persone anziane, anzi, vecchie, che volevano apparire più giovanili, nascondendo i segni della vecchiaia e, quindi, oltre alle rughe, l’incanutimento, o che, non si prendevano cura del proprio aspetto.

E se lo stilista di tendenza delle star da Oscar, Leigh Angus, cnferma “stiamo andando proprio verso il grigio, le sfumature di blu e viola pastello, oltre che alcune tonalità rosa pastello che sono molto popolari. E, poiché un sacco di persone ci chiede questi colori veramente gelidi, dobbiamo darli a loro”, è interessante notare quale è il terreno socioculturale dal quale sorge la nuova moda.

In primis, va inscritta nell’epocale fenomeno dell’invecchiamento della società. Specialmente nei paesi del Primo Mondo ed, in particolare in Europa, è ormai conclamata la progressiva senescenza della popolazione laddove a tentare di abbassare la media dell’età sono, spesso, gli immigrati.

Alla normalizzazione dell’anzianità con una maggiore aspettativa di vita, si aggiunge anche una migliore qualità di vita nella senilità, grazia all’introduzione di nuovi farmaci e terapie, a stili di vita più attenti alla salute ed al benessere.

In parallelo, cambia anche l’immagine stessa dell’anziano non più dipinto come un peso, uno scarto della società ma come un individuo attivo, che contribuisce positivamente anche all’economia. Non a caso, il 2012 sarà dedicato all’active ageing, l’invecchiamento attivo.

Ma non è solo la geriatrizzazione della società ad alimentare una nuova sensibilità nei confronti dei capelli brizzolati o grigi.

L’altra forte corrente socioculturale che non rifiuta più il passato per rifugiarsi in un presente edonistico del qui, ora e in fretta, ma che esalta le origini, che riscopre le tradizioni, che recupera selettivamente gli insegnamenti, le scoperte, i progressi, le culture, le abitudini di un tempo, che ambisce ad un ri-radicamento, a un re-incantamento… tutto ciò contribuisce a restituire un ruolo centrale alla senilità, a rivalutare la saggezza dell’anzianità, a ridare uno spessore temporale all’esistenza attuale.

Così, se per decenni, nella Civilizzazione Culturale Occidentale, assillata dall’efficienza, dalla competitività, dall’arrivismo, dall’aggressività, dalla mancanza di tempo, dall’Hic et nunc, molti hanno nascosto, vergognandosi, i segni dell’invecchiamento ora, invece, sempre più stanno tornando a considerare la senescenza e l’anzianità un valore, un indice di esperienza, un prezioso tesoro di saggezza da preservare e dal quale attingere a piene mani.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: