Non plus ultra: Il nsotro cervello ha raggiunto il limite possibile di intelligenza?

Il nostro cervello, più rumoroso di un computer, con facoltà che possiamo migliorare e che certe leggende metropolitane dicono utilizziamo solo al 90% è ancora una volta al centro dell’attenzione pubblica.

Alcuni sostengono che, malgrado stia diminuendo il volume cerebrale, la nostra intelligenza prosegue a crescere, ma altri scienziati sono convinti che il nostro cervello abbia raggiunto un limite di intelligenza oltre il quale non possa più andare per motivi fisici.

Pertanto pare che, per noi, sia impossibile diventare più intelligenti.

“Siamo arrivati al massimo di sviluppo possibile per il nostro cervello”, sostiene Simon Laughlin, professore di neurobiologia, dell’Università di Cambridge. A sua detta  il cervello è pari solo al 2 per cento del nostro peso totale, ma consuma circa il 20 per cento dell’energia.

“‘Abbiamo dimostrato che il cervello deve consumare energia per funzionare e che ciò è abbastanza impegnativo per il nostro fisico e quindi risulta limitativo nei confronti di altre nostre prestazioni attuali e di quelle che potremmo, eventualmente, sviluppare in futuro” secondo Laughlin.

“Ed ancora, abbiamo scoperto che per aumentare l’attività intellettuale del cervello umano sarebbe indispensabile una significativa quantità ulteriore di energia che non siamo in grado di fornirgli per via delle caratteristiche fisiche della struttura dell’uomo”

“Gli ampi poteri della nostra capacità di deduzione richiedono un sacco di energia perché il cervello cerca e crea costantemente nuove relazioni che devono correlare le informazioni provenienti da molte fonti diverse. E queste richieste di energia implicano anche che ci sia un limite alle informazioni che possiamo processare”, aggiunge Laughlin.

Pare, dunque, che il percorso evolutivo dell’uomo stia procedendo in modo anomalo rispetto agli altri esseri viventi.

“Se tutti gli organismi viventi stanno cercando di diventare più veloci, più in forma, più forti, noi invece, abbiamo deciso di diventare più intelligenti pertanto è stato necessario sacrificare la nostra velocità. Abbiamo, così visto il nostro bacino diventare molto ampio per facilitare la nascita dei bambini con una testa molto grande. Ma, sacrificando la velocità, abbiamo acquisito molto di più: abbiamo imparato a pensare, ad analizzare e sentire, riuscendo a collocarci in cima alla catena alimentare.”

Nel corso della storia è quasi triplicato il volume del nostro cervello ed ogni volta che si è ingrandito ha avuto bisogno di più energia ed ossigeno.

Di conseguenza, tutti i nostri maggiori consumi di energia e risorse sono stati investiti e messi a disposizione del cervello.

Un ulteriore aumento delle dimensioni del cervello o della complessità delle relazioni che lo interessano, richiede quantità di ossigeno che il nostro pianeta non è in grado di produrre.

Gli autori dello studio spiegano che il consumo energetico del cervello dipende dalla sua attività di correlare i dati provenienti da più fonti e di coordinare le diverse parti che lo compongono.

Per inciso ricordiamo che nel cervello ci sono 100 miliardi di neuroni che, secondo alcuni studi, sono tutti guidati da un solo neurone e che pare ci siano neuroni strettamente riservati a particolari realtà: il neurone di Marylin Monroe, della Torre Eifel… 

E anche la miniaturizzazione delle cellule cerebrali, oltre alla crescita delle connessioni tra cellula e cellula, ha raggiunto un punto limite.

Chi è molto intelligente ha una velocità ed un’intensità notevolmente superiore di comunicazione tra le parti del cervello, pertanto consuma una quantità assai superiore di energia rispetto alle persone ditate di media intelligenza.

Gli studi sul cervello sono sempre estremamente affascinanti e ci danno modo, ancora una volta, di riflettere su quanto sia meraviglioso l’uomo.

Una Risposta to “Non plus ultra: Il nsotro cervello ha raggiunto il limite possibile di intelligenza?”

  1. Ho letto anni orsono che l’intelligenza umana,studiando il cervello,non si rileva dalla sua misura, ma dalle varie rugosità che esso possiede. L ‘intelligenza per svilupparsi non richede quindi ulteriori consumi di energia,ma dipende dalla strutturazione della materia grigia.Se vogliamo capire quanto è possibile sviluppare la nostra mente,basta leggere il libro Kim, di Kipling,nel paragrafo che descrive il percorso del protagonista per potenziare le sue capacità mentali. Riguardo lo sviluppo della trasmissione del pensiero,è bene sapere che molti lama tibetani riescono a comunicarsi a distanza per via telepatica.Si può quindi capire che la mente umana ha un potenziale di sviluppo enorme e non è ancora sfruttata che per una minima parte.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: