2012: i più non ci credono o auspicano un cambiamento spirituale.

L’incessante dibattito su quanto dovrebbe accadere il 21 dicembre 2012 si arricchisce ogni giorno di più di nuovi dettagli da parte delle tre principali fazioni che lo conducono.

Così, da un lato ci sono i catastrofisti che vi vedono la fine del mondo, con una serie di terribili sconvolgimenti alla fine dei quali nessuno sopravvivrà.

Dall’altro si schierano i sostenitori di una data che sarà lo spartiacque per l’avvento di una nuova era all’insegna di un’inedita coscienza umana.

Infine, il terzo grande gruppo di opinioni è rappresentato da chi è convinto che, da ultimo, il 2012 passerà senza che nulla accada di particolarmente significativo. Smentendo entrambe le ipotesi precedenti.

Un sondaggio online sta sondando quali siano le particolari posizioni assunte dai cibernauti al proposito.

I dati raccolti sino ad ora possono darci qualche spunto per riflettere insieme su quanto sta accadendo a livello di opinione pubblica.

Il numero di opinioni sino ad ora raccolte dalla ricerca è pari a 2256.

Il 36 percento delle risposte (829 persone) è convinto che il 21 dicembre 2012 trascorrerà come un giorno uguale a tutti gli altri senza nessun tipo di fenomeno epocale.

Quindi una buona fetta di italiani non si lascia coinvolgere dall’argomento, non ci crede o, comunque, non vede all’orizzonte nessun tipo di pericolo o di mutamento tale da implicare una qualche trasformazione considerevole.

Dappresso a tale posizione, con il 35 per cento delle risposte, il secondo posto nella classifica è occupato da chi sostiene che la fatidica data segnerà una metamorfosi della coscienza umana, l’alba di una nuova era all’insegna di un nuovo modo di sentire, di relazionarsi, di pensare, di vivere.

Segue, poi, un 14 percento di persone sicure che il 21 dicembre 2012 porterà con sé catastrofi climatiche ed ambientali, anticipate dai sempre più frequenti cataclismi che stanno squassando il Pianeta.

Un certo appeal ha anche l’ipotesi che nel primo giorno d’inverno dell’anno prossimo, ci sarà uno sbarco di alieni. A sostenerlo  sono 234 persone, pari al 10 per cento degli interpellati.

Le due alternative più drammatiche e terrorizzanti, invase da una disperata aura di morte e nichilismo, con la previsione della distruzione totale della specie umana oppure con quella di tutti gli esseri viventi sono condivise, ciascuna, dall’1 per cento.

Analizzando lo scenario senza volere dare un peso statistico ai risultati, ma solo un significato di cercare di cogliere l’atmosfera attuale, pare evidente che, oltre alla notevole fascia della popolazione indifferente al tema, la maggior parte degli intervistati condivide una visione di rinnovamento, quindi una prospettiva positiva, propositiva, molto in sintonia con l’Era Multi-sensibile, piuttosto che le ipotesi apocalittiche suggerite dai postmoderni.

L’idea dello sbarco degli alieni, che non è connotato né positivamente, come un’opportunità, né negativamente, come una minaccia, si riconnette, in modo indiretto, alla percezione di un cambiamento in atto anche nella stessa antropologia umana, dell’incontro con una realtà diversa, nuova, con altre culture, con l’Altro. È una questione di sempre maggiore attualità culturale in un mondo ormai glocalizzato (global+local) nel quale, da un lato, i confini tra razze, tra culture diventano più permeabili, ma nel contempo, dall’altro, risorgono anche vecchie e nuove identità personali, culturali, territoriali.

In sintesi, quindi, la maggior parte di chi si è espresso ha un’aspettativa neutra o positiva, il che conferma il forte trend socioculturale all’insegna di un rinnovamento, di un’inclinazione pro-positiva che sta plasmando il quadro complessivo attuale.  

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: