Storia, curiosità e tradizioni sulla festa dell’Immacolata Concezione

L’8 dicembre è la festa dell’Immacolata Concezione: di che cosa si tratta? Come è nata? Quali tradizioni porta con sè?

UN ERRORE DA SFATARE

Dietro alla celebrazione dell’8 dicembre c’è una storia antica e, prima ancora, un errore diffuso da sfatare.

La festa dell’Immacolata Concezione è un ricettacolo di idee non corrette. Forse la più comune, condivisa anche da molti cattolici, è che in questo giorno si celebri la concezione di Cristo nel grembo della Vergine Maria. Anche solo il fatto che cada 17 giorni prima di Natale, dovrebbe rendere già evidente che si tratti di un abbaglio!

Invero, il concepimento di Gesù è celebrato in un’altra ricorrenza: il 25 marzo, la festa dell’Annunciazione del Signore, che è, invece, esattamente nove mesi prima di Natale.

È stato al momento dell’Annunciazione, quando la Beata Vergine Maria ha, umilmente, accettato l’onore conferitole da Dio tramite l’arcangelo Gabriele, che ha avuto luogo la concezione di Cristo.

MA ALLORA CHE COSA CELEBRIAMO L’8 DICEMBRE?

Cerchiamo di capirlo insieme e, per riuscirvi, partiamo dalle sue origini.

LA STORIA

La ricorrenza dell’Immacolata Concezione, nella sua forma più antica, risale al settimo secolo, quando le chiese in Oriente iniziarono a celebrare la festa della Concezione di Sant’Anna, la madre di Maria.

In altre parole, questa festa celebra la concezione della Beata Vergine Maria nel grembo di Sant’Anna, e nove mesi più tardi, l’8 settembre, si celebra la Natività della Madonna. Così tutti i conti ritornano perfettamente.

Il significato originario della festa della Concezione di Sant’Anna e che viene conservato nelle Chiese orientali ortodosse, è diverso da quello attribuito alla Festa dell’Immacolata Concezione nella Chiesa cattolica oggi. La ricorrenza è arrivata in Occidente, probabilmente, non prima dell’XXI secolo, e, da subito, venne legata con lo sviluppo di una controversia teologica.

Tanto la Chiesa Orientale quanto l’Occidentale sostenevano che Maria fosse priva di peccato per tutta la vita, ma c’erano diverse interpretazioni di ciò che questo significava.

QUAL È L’IMMACOLATA CONCEZIONE?

Il dibattito si è articolato attorno alla questione del peccato originale. A causa della dottrina del peccato originale, alcuni, in Occidente, hanno cominciato a credere che Maria non avrebbe potuto essere senza peccato, se non fosse stata salvata dal peccato originale al momento del suo concepimento (rendendo così il concepimento “immacolato”).

Altri, invece, tra i quali anche San Tommaso d’Aquino che seguiva la scia di Anselmo da Canterbury, hanno sostenuto che Maria non avrebbe potuto essere riscattata se non fosse già stata senza peccato originale, quindi sposavano l’idea della redenzione anticipata.

La risposta all’obiezione di San Tommaso d’Aquino è stata data da un altro grande studioso medievale, Giovanni Duns Scoto che Dio, nella sua prescienza, sapendo quale sarebbe stato il destino della Vergine, l’aveva redenta al momento del suo concepimento, piuttosto che (come tutti gli altri cristiani) nel Battesimo. Ossia l’ipotesi non era più di una “redenzione anticipata”, ma di una “redenzione preventiva” o “preservativa”: Maria non fu, dunque, concepita nel peccato originale e poi redenta, ma fu concepita senza peccato originale. Questo ragionamento ribaltò i termini della questione: Maria non fu un’anomala eccezione (o un caso anticipato) all’opera redentiva di Cristo, ma la conseguenza della più perfetta ed efficace azione salvifica dell’unico mediatore.

LA DIFFUSIONE DELLA FESTA IN OCCIDENTE

Dopo la difesa Duns Scoto dell’Immacolata Concezione, la festa si estese in tutto l’Occidente, anche se era ancora, spesso, celebrata la festa della Concezione di Sant’Anna.

Poi, il 28 febbraio 1476, Papa Sisto IV estese la festa a tutta la Chiesa occidentale, e nel 1483 minacciò di scomunica coloro che si opponevano alla dottrina dell’Immacolata Concezione. Entro la metà del XVII secolo, ogni opposizione alla dottrina era scomparsa all’interno della Chiesa cattolica.

IL DOGMA DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE

L’8 dicembre 1854, Papa Pio IX dichiarò ufficialmente “l’Immacolata Concezione” un dogma della Chiesa, il che significa che tutti i cristiani sono tenuti ad accettarla come vera.

Come il Santo Padre ha scritto nella Costituzione Apostolica Ineffabilis Deus:

dichiariamo, affermiamo e definiamo la dottrina che sostiene che la beatissima Vergine Maria nel primo istante della sua concezione, per una grazia ed un privilegio singolare di Dio onnipotente, in previsione dei meriti di Gesù Cristo Salvatore del genere umano, è stata preservata intatta da ogni macchia del peccato originale, e ciò deve pertanto essere oggetto di fede certo ed immutabile per tutti i fedeli.

TRADIZIONI

Attorno alla festa dell’Immacolata Concezione ci sono molte tradizioni in Italia ed all’estero. Tante hanno una matrice che rimanda al mondo contadino, agreste, medievale o persino pagano.

Così, se a Milano si fonde con la festa di Sant’Ambrogio, in altre parti di Italia ha suoi più specifici e spiccati connotati.

A Verbicaro, in provincia di Cosenza, viene celebrata la ricorrenza attraverso la convivialità, come suggerisce il suo nome locale “Perciavutta”, letteralmente ‘aprire la botte’. Nel corso della giornata, si assaggia il vino nuovo che, per tradizione, viene degustando con ‘grespelle’ ripiene di alici salate, peperoni secchi e cavolfiore portate in dono da amici e vicini di casa.

A Putignano, in provincia di Bari, le celebrazioni per l’Immacolata durano nove giorni gremiti di appuntamenti di preghiera e processioni. Tra il 29 novembre e il 7 dicembre vengono eseguiti particolarissimi canti e, l’8 dicembre, dodici membri di associazioni locali depongono ai piedi della statua della Madonna delle corone di fiori, rigorosamente bianchi.

In molte zone rurali della penisola, c’è la tradizione, che deriva dal mondo contadino, dei falò. La festa nel passato aveva una forte dimensione collettiva ed era legata al carattere purificatore del fuoco il quale, oltre a riscaldare la Madonna nel passaggio verso Betlemme, allontanava le forze del male, soprattutto in un periodo dell’anno cruciale per la semina dei campi.

Uno dei luoghi suggestivi nei quali si perpetra questa tradizione antica è Castellamare di Stabia, in provincia di Napoli.

Ed ancora, la festa dell’Immacolata Concezione apre ufficialmente il periodo natalizio, così, molti, in questa giornata si dedicano all’allestimento dell’albero di Natale ed alla decorazione delle abitazioni con addobbi natalizi, a livello pubblico, invece, non di rado, si inaugurano i mercatini di Natale. A Milano, la tradizione vuole, invece, che tutto ciò prenda inizio il giorno prima, a Sant’Ambrogio.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: