Archive for the Olismo Category

Il sesto senso della lingua

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , , , , on 13 marzo 2012 by Ada Cattaneo

Abbiamo ripetutamente visto insieme che i nostri sensi sono molti di più dei cinque che ci ha insegnato la tradizione. persine il così detto gusto, invero, è un insieme di vari sensi diversi in quanto i ricettori che percepiscono il salato, il dolce, l’amaro e l’acido sono differenti.

Di recente, sta, ormai entrando nel sapere collettivo l’esistenza anche del senso dell’umami che ci consente di percepire i sapori legati alla carne, il piccante…

Ma non è tutto qui: gli Continua a leggere

Perchè usiamo il profumo e perché gli uomini più delle donne?

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , , , , on 12 ottobre 2011 by Ada Cattaneo

Nella nostra Società Multisensibile, il mondo dei sensi  è sempre più al centro dell’attenzione.

Una realtà estremamente affascinante e, per alcuni versi, ancora ampiamente inesplorata.

L’aggregato di sensi che, banalmente, la cultura tradizionale continua a Continua a leggere

Scoperto il segreto dei fantasmi? Sono solo ultrasuoni?

Posted in Curiosità, Polisensorialità with tags , , , , , , , on 22 luglio 2011 by Ada Cattaneo

Una nuova teoria sostiene che i fantasmi, gli spiriti che infestano edifici e terrorizzano centinaia di persone non siano altro che illusioni ottiche prodotte dagli ultrasuoni sui nostri occhi e la paura che ne consegue sia, a sua volta, un effetto dei suoni che il nostro udito non riesce a percepire.

Gli infrasuoni sono onde o vibrazioni con una frequenza di sotto la soglia di udibilità dell’orecchio umano (20 Hz a 22 kHz).

Benchè noi non siamo in grado di sentirli, usiamo gli ultrasuoni per alcune terapie mediche ma è stato dimostrato che Continua a leggere

Paulo Amorim, un altro bambino magnetico…

Posted in Curiosità, Polisensorialità with tags , , , , , on 9 luglio 2011 by Ada Cattaneo

Dopo la donna calamita Britannica, che attira a sé gli oggetti metallici, probabilmente come reazione allo stress, ed il bambino-calamita croato che dotato di forza straoridianria e poteri di guarigione, dopo le recenti scoperte sulla magneticezione e il caso della donna inglese allergica ai campi magnetici,  ora è la volta di Paulo David Amorin, un ragazzino brasiliano della città di Mossoro, di 11 anni che attira a sé, come una calamita oggetti metallici e l’attenzione di tutti i media e internet con il suo video.

Tutto nasce dal padre di Paulo, Junior Amorim, che viene a sapere dell’esistenza di un ragazzo croato che ha particolari doti magnetiche.

“A questo punto- Continua a leggere

La nostra mente influenza il corpo perchè agiamo moralmente

Posted in Olismo with tags , , , , , , , , on 9 luglio 2011 by Ada Cattaneo

Spesso parliamo o sentiamo dire che certe emozioni sono tanto forti da essere viscerali, che certe passioni sono carnali, ossia che il nostro stato emotivo è tanto forte da trasformarsi in segnali fisici che, possono indurci ad agire in un modo piuttosto che in un altro.

Il cervello umano può simulare sensazioni fisiche che ci inducono all’introspezione, servendosi dei  momenti di grandissima emozione per promuovere comportamenti morali?

Secondo Mary Helen Immordino-Yang Continua a leggere

Magnetocezione: l’uomo può percepire il campo magnetico terrestre?

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , on 22 giugno 2011 by Ada Cattaneo

Un campo di studi estremamente affascinante e di grande attualità culturale, riguarda lo sfaccettato e cangiante multi-verso dei sensi.

È abbastanza naturale che, nella era e nella Società Mulltisensibile, venga dedicato un crescente spazio ed una sempre più approfondita riflessione proprio sulla sfera sensoriale.

Ammesso, dunque, che i nostri sensi sono molti più dei cinque che siamo stati abituati a considerare, per convenzione e tradizione, la domanda cruciale che emerge è: quali sono gli altri sensi dei quali è dotato l’uomo?

Tra gli altri c’è anche il senso del Continua a leggere

Tutti i profumi per un buon risveglio

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , on 28 maggio 2011 by Ada Cattaneo

Profumi, odori, aromi sono potentissimi mezzi di comunicazione in grado di trasformare immediatamente il nostro umore, il nostro stato d’animo, i nostri comportamenti ed atteggiamenti.

Indubbiamente uno dei momenti della giornata più delicati e più decisivi, specialmente per chi affatica a lasciarsi alle spalle il mondo di Morfeo, per rituffarsi nella routine, sono proprio i minuti del risveglio.

Uno studio inglese ha Continua a leggere

Uno studio confuta l’esistenza della percezione extra-sensoriale

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , , , on 23 maggio 2011 by Ada Cattaneo

Possiamo veramente pre-sentire il futuro?

Il tema della percezione extrasensoriale (Extra-sensory perception – ESP) sta diventando sempre più di attualità culturale. Così, nel naturale diverbio tra i suoi sostenitori ed i suoi detrattori, si stanno muovendo anche una serie di scienziati impegnati a dimostrare che la ESP non esiste.

A cerare di confutarla in termini statistici è una nuova ricerca, che verrà pubblicata sullo Psychonomic Bulletin & Review, condotta da Jeffrey Rounder dell’Università del Missouri, negli Stati Uniti, e Richard Morey dell’Università di Groningen, nei Paesi Bassi.

Anche se l’ESP sembra impossibile in base alle odierne conoscenze scientifiche, e va sicuramente contro la nostra abituale esperienza quotidiana, Daryl Bem, uno psicologo della Cornell University, sostiene Continua a leggere

Incrocia le mani e sentirai meno dolore

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , , , , on 22 maggio 2011 by Ada Cattaneo

Perchè quando ci feriamo, oltre a sfregarci le mani, tendiamo anche ad incrociarle?

Uno studio ha dimostrato che solo quelli che incrociano le mani possono alleviare il dolore perché un simile gesto può finire per confondere il cervello.

Il risultato dello studio è pubblicato sulla rivista Pain.

Il cervello è abituato al fatto che la Continua a leggere

Come si legano tatto e vista?

Posted in Polisensorialità with tags , , , , on 17 aprile 2011 by Ada Cattaneo

Può un cieco, dopo aver recuperato la vista, identificare un oggetto conosciuto solo attraverso il tatto? È una domanda che, nel 1688, si poneva il filosofo irlandese William Molyneux e che ha ricevuto una risposta solo diversi secoli dopo.

Cinque ragazzi di età compresa tra 8 e 17 anni, ciechi dalla nascita e sottoposti ad un intervento chirurgico per acquistare la vista, sono stati studiati, per cercare di dare una risposta all’antico quesito.  

Autori dell’interessante ricerca sono Richard Held ed i suoi colleghi del Massachusetts Institute of Technology.

Gli studiosi hanno Continua a leggere