Archive for the SR Benessere Category

Il curioso effetto della scarsità di donne: gli uomini spendono di più, risparmiano meno e…

Posted in SR Benessere with tags , , , , , , , , , , on 16 gennaio 2012 by Ada Cattaneo

Che cosa succede in una società a prevalenza maschile, ossia dove è meno facile per gli uomini trovare una partner?

Mentre in alcune culture (in Cina, in India…) la nascita di una femmina è vissuta come una disgrazia e, pertanto, il numero di aborti di bambine è nettamente superiore, dovremmo interrogarci su quali possano essere gli effetti di una società a prevalenza maschile.

QUALCHE PREMESSA

Una serie di studi molto interessanti sta rivelando gli Continua a leggere

Annunci

Quanti amici hai in FB è collegato alla forma del tuo cervello e alla rete dei tuoi amici reali

Posted in SR Benessere with tags , , , , , on 25 ottobre 2011 by Ada Cattaneo

Quanti amici hai nella vita di tutti i giorni e quanti nel tuo social network online?

C’è qualche relazione tra i due? È possibile che i social media stiano cambiando, non solo i nostri stili di vita, il nostro modo di relazionarci con gli altri, di pensare e di comportarci e, persino, la forma del nostro cervello?

Le geografie di relazioni che stiamo, più o meno velocemente, intessendo nell’intrecciare amicizie reali e virtuali è, sempre più, al centro dell’attenzione di molti studiosi che tentano di cogliere e spiegare la rivoluzione in corso.

Così non stupisce che alcuni ci ammoniscano dall’avere più di 150 Continua a leggere

Il complotto del Codice Da Vinci come si collega con l’ansia della morte?

Posted in SR Benessere with tags , , , , , , , , , on 21 settembre 2011 by Ada Cattaneo

L’amore per Dan Brown ed il suo libro di successo “Il Codice Da Vinci” potrebbe innescare un meccanismo relativo alla paura della morte, almeno per chi ritiene di stare leggendo dei fatti veri.

Un nuovo studio dimostra che le persone preoccupate per la morte sono Continua a leggere

I videogame promuovono i legami famigliari?

Posted in SR Benessere with tags , , , , , on 25 agosto 2011 by Ada Cattaneo

Il ruolo dei genitori si articola su piani diversi che, spesso, negli ultimi anni, hanno finito per enfatizzare solo alcune componenti (ludica, amicale…) trascurandone altre di matrice più pedagogica, educativa, valoriale…

A trasformarne la figura sono stati vari fattori che spaziano dalla famiglia allargata all’informalizzazione, dall’informatizzazazione a particolari atteggiamenti narcisistico-edonistici dell’individuo postmoderno.

Il giocare con i bambini non ha solo una funzione ludica, è un Continua a leggere

Meno ci sentiamo amati, più diamo valore ai beni materiali

Posted in SR Benessere with tags , , , , , on 14 agosto 2011 by Ada Cattaneo

La relazione tra la nostra dimensione affettivo-emozionale e quella economico-materiale è stata a più riprese sondata mostrando che, più la prima ha un peso nella nostra esistenza, più la seconda ha un ruolo subordinato.

Ossia, l’amore, l’empatia, la relazionalità con il prossimo distolgono la nostra attenzione dagli aspetti venali, focalizzandola, invece proprio sui legami interpersonali, sulla circolazione di amorosi sensi.

Ma non è tutto qui, la situazione, secondo una serie di indagini recenti è ancora più complicata.

Le persone che si sentono più sicure di ricevere amore e di essere accettate dagli altri, danno Continua a leggere

National Kissing Day: il bacio della vita

Posted in SR Benessere, World Day... with tags , , , , , , , , , on 11 agosto 2011 by Ada Cattaneo

Una curiosa ricerca della British Heart Foundation, in occasione del National Kissing Day, ha rivelato che un quinto delle coppie sposate non si bacia per settimane intere.

Il dato ci dà da riflettere. Il bacio è una Continua a leggere

Quanto durano gli effetti positivi di una vacanza?

Posted in SR Benessere with tags , , on 9 agosto 2011 by Ada Cattaneo

Le vacanze sono il momento dell’anno nel quale cerchiamo e vorremmo ristorarci dalle fatiche di tutto l’anno lavorativo.

Così, negli ultimi periodi, le vacanze sono sempre più percepite non solo alla stregua di un piacere e di un dovere, ma anche come un diritto.

In una simile prospettiva non stupisce, come mi è capitato sabato, di vedere al mercato, un uomo che chiedeva la carità con un cartello sul quale c’era scritto: “datemi qualche cosa perché DEVO andare al mare”.

Ammesso, dunque, di riuscire a mettere da parte i soldi per permetterci una vacanza, è lecito domandarci, perlomeno, quanto impiega a sparire la carica positiva accumulata.  

La sensazione di Continua a leggere