Archivio per doni

Santa Lucia: storia, tradizioni e leggende

Posted in Tradizioni with tags , , , , , , , , , , , , , , , , on 13 dicembre 2011 by Ada Cattaneo

Nella saggezza popolare, il giorno di Santa Lucia iniziano a manifestarsi i rigori dell’inverno ed è il giorno più corto dell’anno.

Invero non è proprio corretto, perché il solstizio di inverno cade un po’ dopo, il 21 dicembre, tuttavia, all’immaginario collettivo, piace mantenere questa credenza testimoniata anche dal detto: Santa Lucia, De piö cört che ghe séa, (Il giorno più corto che ci sia).

E Santa Lucia è proprio la Santa della luce, destinata a (ra)assicurare che le tenebre non prevarranno definitivamente sulla luce e, presto, il dì ritornerà, pian piano, ad allungarsi.

Santa Lucia è anche Continua a leggere

L’eroe dei manga Tiger Mask scatena un’ondata di carità in Giappone

Posted in Eroi della Nuova Era, TVS glob with tags , , , , , , , on 20 gennaio 2011 by Ada Cattaneo
Il Giappone è affascinato dal misterioso ritorno di un eroe dei fumetti manga degli anni 1960, che ha scatenato un’ondata nazionale di filantropia con donatori anonimi che si prodigano per i bambini meno fortunati.
 
Dal giorno di Natale è iniziato il curioso fenomeno in un centro sociale nei pressi di Tokyo dove sono accolti dei bambini.
Qui sono stati recapitati molti doni accompagnati da una curiosa nota che li attribuiva a “Naoto Date”, l’alter ego del personaggio wrestling “Tiger Mask”.
La notizia si è immediatamente diffusa ed il fatto ha toccato una corda molto sensibile dei giapponesi che ricordano con molto affetto Tiger Mask, il personaggio dei fumetti, a sua volta orfano, divenuto un combattente, che ha aiutato altri bambini orfani e che ha suscitato più di 30 atti di generosità.
Borse di regali, che spaziano dalle cartelle di cuoio per i bambini alla cancelleria, dai giocattoli con piccoli robot, a cibo e denaro, sono stati tutti lasciati da persone anonime a ricoveri, orfanotrofi e centri per disabili.
In un caso, una busta con 100.000 yen ($ 1.200) è stata data in un negozio che vende articoli per la scuola, con una nota: “Sono un copycat penso che di Tiger Mask ce ne siano ovunque in tutto il Paese, vi prego di utilizzare questi soldi per i bambini”
Il ministro giapponese della Salute, del Lavoro e del Welfare, Ritsuo Hosokawa si è dichiarato “profondamente commosso” da dal profluvio di atti di carità che stanno costellando il Paese. Intanto le stazioni televisive e la stampa stanno dando molta visibilità alle ultime apparizioni di Tiger Mask.
La storia del fumetto originale nasce negli anni 1960, con una serie di manga seguiti da uno spettacolo in  TV.
Naoto Date, il protagonista, è cresciuto in un orfanotrofio ed è stato inizialmente assunto da un sindacato malvagio cattivo di lottatori.
Nella storia Date decide comunque di aiutare gli altri orfani, invece, indossa una maschera di una tigre – un tributo pro-wrestling in Giappone – e combatte i cattivi donando i premi in denaro vinti in favore dei bambini.
Yoichi Miyata, un dirigente trentottenne, presso il negozio prefettura di Iwate, che ha ricevuto il dono in denaro 100.000 yen, ha dichiarato: “Naoto Date è un’icona, l’eroe per antonomasia  dei bambini. Molti di noi, quando lo vedono, ritornano bambini”.