Archivio per Facebook

Ma che egoisti e indifferenti: i giovani di oggi sono angeli con il fango sulle magliette

Posted in Eroi della Nuova Era with tags , , , , , , , , on 12 novembre 2011 by Ada Cattaneo

I giovani di oggi sono davvero così irrecuperabili? Ed i new media sono davvero così negativi?

Due amletici quesiti ai quali ci dà una chiara risposta la cronaca dei disastri degli ultimi giorni  in Liguria e Toscana .

I SOCIAL MEDIA

Il potere dei social network ed, in particolare, in Italia, di Facebook è in costante crescita.

I più Continua a leggere

Se le marche fossero oneste… quale sarebbe il loro messaggio?subliminale

Posted in Curiosità with tags , , , , , , , on 13 settembre 2011 by Ada Cattaneo

Nel modo dei consumi siamo abituati a conoscere le marche, ad associare a ciascuna di esse un determinato bouquet di valori ed a costruirvi attorno quello che, in termine tecnico, si chiama un “mondo possibile”.

Così, per esempio, il mondo possibile di Coca Cola contiene dalla famosa bottiglietta a Babbo Natale, dalla ricetta segreta ai valori dell’American Style, dal “vorrei cantare insieme…” ai gadget… e quello di Mulino Bianco è composto dalla famiglia felice al colore beige delle confezioni, dal piccolo Mugnaio e Clementina alla campagna, la naturalità…

Ogni marca racconta, dunque, particolari storie che ciascuno di noi reputa più o meno verosimili, associandole o no all’esperienza diretta e personale compiuta della marca stessa.

Ma che cosa succede se proviamo a considerare le varie marche in modo disincantato, senza lasciarci abbagliare dalla polvere di stelle che le avvolge?

Questo è l’approccio di una  speciale forma di comunicazione definita “Subvertising”, una specie di pubblicità al contrario che, invece di incensare ed indorare la marca o il prodotto, li presenta in modo ironico, dissacratorio, mettendone in luce i difetti, gli aspetti disdicevoli…

Proviamo, dunque, a vedere come potremmo leggere  alcuni brand noti, in una simile prospettiva.

Incominciamo, dunque, proprio dalla Coca Cola.

COCACOLA

In quanto Continua a leggere

La coscienza collettiva: tra fisica, meditazione, nuove tecnologie ed inediti orizzonti

Posted in TVS glob with tags , , , , , , , , , , , , , , , on 11 aprile 2011 by Ada Cattaneo

Non ti sei mai chiesto se come ti senti in un determinato giorno possa avere a che vedere con come si sentono altri milioni di persone e con quello che stanno facendo?

Oppure, se il tuo stato d’animo è in qualche modo in grado di contribuire ad un più grande, stato d’animo collettivo?

I mass e new media, Internet, i social media, i social network, ed i programmi forniscono notizie ed aggiornamenti, in tempo reale e continuativamente, sullo stato d’animo e sull’umore nazionale e mondiale.

Il profilo Google degli stati d’animo (G-POMS) esamina i contenuti Twitter per valutare lo stato di felicità, gentilezza, attenzione, fiducia, vitalità e calma collettiva.

Gli agenti di cambio parlano di “stato d’animo degli investitori”, gli storici, invece, parlano di “Zeitgeist”, di Spirito dei Tempi.

Di recente, stiamo Continua a leggere

Una genrazione di dorgati di nuove tecnologie?

Posted in SR Salute with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , , on 10 aprile 2011 by Ada Cattaneo

Quanto siamo drogati ed assuefatti dal potere delle nuove tecnologie?

In poco più di un decennio, è radicalmente cambiato il nostro modo di percepire la nostra realtà interna ed esterna, di interagire e relazionarci con gli altri. Il merito o la colpa di un così grande mutamento va attribuito ad internet, il web 2.0, i social network, ma non solo…

Un nuovo studio suggerisce che gli studenti universitari di tutto il mondo, hanno sviluppato una vera e propria forma di “dipendenza” dagli apparecchi elettronici portatili, come cellulari, computer portatili e lettori MP3.

I ricercatori hanno Continua a leggere

Guerra in Libia: il Mediterraneo nella Rete del futuro

Posted in TVS glob with tags , , , , , , , , , , , , , , , , , on 20 marzo 2011 by Ada Cattaneo

La  guerra scoppiata in Libia è un ulteriore cruccio che si va ad aggiungere alla già tesa situazione internazionale innescata dai recenti terribili eventi giapponesi.

Eppure entrambi i fenomeni sono un segno dei tempi, non nel senso che vi attribuirebbero gli apocalittici del 2012, delle Super Moon Extreme & co, ma nel più profondo significato degli epocali cambiamenti che ci stanno sempre più allontanando dall’era Moderna e Postmoderna, inaugurando il Nuovo Periodo trapuntato da valori inediti, da dinamiche originali, da un fresco Spirito dei Tempi.

 

Ripercorrendo quanto è accaduto, in Medio Oriente, nell’ultimo paio di mesi, senza prendere nessun tipo di posizione politica, ma semplicemente, analizzando  i fatti da una prospettiva squisitamente sociologica (ci tengo a precisarlo),  è evidente che è saltato un meccanismo di inerzia e passività durato millenni.

L’ondata di rivolte popolari sfociate in una sonora domanda di libertà, in una rivendicazione dei diritti fondamentali dell’uomo, di potere lavorare e di godere di una democrazia, celebrata ed ambita, da molti ma da pochi vissuta in prima persona, non si è manifestata ovunque con le stesse modalità ed intensità, ma si è rapidamente propagata ovunque.

Molti paesi hanno improvvisamente aperto gli occhi.

Si sono resi conto della propria situazione, delle ingiustizie subite, delle angherie e vessazioni perpetrate da decenni da parte di potenti ricchi affamatori di popoli, con le loro leggi ispirate dal terrore, dallo status quo, dall’ignoranza, talvolta, persino dalla religione.

Chi sono i protagonisti? Quale è stato il vero detonatore?

I veri protagonisti della primavera mediorientale sono i Continua a leggere

Vuoi essere felice? Non guardare l’erba dei tuoi amici in FB

Posted in SR Felicità with tags , , , , on 13 febbraio 2011 by Ada Cattaneo

Facebook non ti fa sembrare che tutti si divertono tranne te? Può darsi che tu stia semplicemente sopravvalutando la felicità dei tuoi amici, suggerisce un nuovo studio pubblicato sulla rivista Personality and Social Psychology Bulletin. 

Il confronto con gli altri è un importante strumento che abbiamo anche per capire meglio noi stessi.

Spesso si rivela un’operazione positiva, che aumenta il nostro Wellthiness, non mancano però, nemmeno alcuni casi nei quali innesca in noi degli stati d’animo, delle emozioni e delle sensazioni negative.

A tale proposito, Facebook sembra essere un ottimo catalizzatore.

Vediamo insieme come e quali meccanismi innesca.

La ricerca della Stanford University dimostra che quando Continua a leggere