Archivio per ricerca

Quando perdiamo l’olfatto… stiamo per morire?

Posted in Polisensorialità with tags , , , , , , , , , on 19 gennaio 2011 by Ada Cattaneo
In un noto libro di Suskind, Il profumo, poi trasformato in un inquietante film, il protagonista uccideva le donne per cercare di catturarne il profumo.
Per alcune credenze popolari il diavolo non ha profumo mentre, chi è in profumo di santità, pare segnali la sua presenza invisibile proprio con delicatissimi aromi di rosa, giglio… 
I sensi che noi chiamiamo, semplicisticamente, olfatto sono estremamente affascinanti ed importanti per la nostra esistenza ed il nostro Wellthiness. E, nonostante siano una realtà con la quale conviviamo quotidianamente, riservano ancora sorprendenti segreti.
Perdere l’olfatto quando si è anziani potrebbe significare che Continua a leggere
Annunci

Il Wellthiness di Lucy Betts:sorridere alla malattia genetica della pelle che rischia di ucciderti

Posted in Eroi della Nuova Era, TVS glob with tags , , , , , , , , , , , , , on 10 gennaio 2011 by Ada Cattaneo

Come possiamo parlare di Wellthiness in chi è colpito da una terribile malattia genetica che lo sfigura? Come può una ragazza, nella società del narcisismo, accettare il proprio aspetto deforme e vivere serenamente?

Le risposte provengono da due coppie di sorelle inglesi, le Bowen e le Betts, che soffrono di Ittiosi Arlecchino.

 Si tratta di una Continua a leggere

Sempre più donne cercano la salute online: un’occasione persa?

Posted in ComActors with tags , , , , , , , on 19 novembre 2010 by Ada Cattaneo

Sempre più donne usano il web per cercare notizie riguaro la salute e questioni sanitarie. Ma rischiano di trovare informazioni fuorvianti.

Invero, se ne servono come spunto e cercano di ovviare alla possibile non correttezza con un controllo incrociato con amici e familiari.

Di qui la Continua a leggere

A CHI MI DOMANDA RAGIONE DEI MIEI VIAGGI, SOLITAMENTE RISPONDO CHE SO BENE QUEL CHE FUGGO, MA NON QUEL CHE CERCO (Michel De Montaigne)

Posted in Pensieri sulla Salvezza with tags , , , , , , , , on 2 agosto 2010 by Ada Cattaneo

Partire, andare in vacanza, viaggiare… 

Indubbiamente è vero che il nomadismo è una delle cifre dell’esistenza di oggi.

Ci muoviamo costantemente, in modo fisico e virtuale da un luogo ad un altro, da un sito web ad un altro.

E il nostro essere Continua a leggere

LASCIO AI LETTORI DI DECIDERE SE LA COERCIZIONE ALLA FELICITA’ NELLA FORMA PRATICATA NELLA NOSTRA SOCIETA’ DEI CONSUMATORI LIQUIDO-MODERNA, RENDA FELICE CHI CI E’ COSTRETTO (Zigmunt Bauman)

Posted in Pensieri sulla Felicità with tags , , , , , on 22 luglio 2010 by Ada Cattaneo

Il mondo generato dal “progetto moderno”, secondo Bauman, ipotizza l’imposizione agli uomini di dover essere felici.

La coercizione alla felicità è, in sé un paradosso.

La felicità è, per sé, un’esperienza Continua a leggere

Bodylab, un’indagine mondiale per trovare il concetto dieale di bellezza: partecipiamo tutti

Posted in Olismo with tags , , , , , on 9 luglio 2010 by Ada Cattaneo
L’idea e l’ideale della bellezza, nell’era dell’In-divisus, della personalizzazione, del tailor made, dei customer generated content e del networking, è sempre più soggettiva e discrezionale.
La bellezza è , naturalmente, negli occhi di chi guarda.
La taglia 38 continua ad avere un suo fascino nel mondo però, paradossalmente, anche la XXXL esercita un certo fascino.
Quindi, la situazione attuale mostra che non c’è ancora un consenso sui canoni della bellezza.
A tentare di identificare l’ideale di bellezza a livello mondiale, avvalendosi del supporto delle più recenti tecnologie e della partecipazione di tutti gli internauti, è un’equipe di studiosi australiani.
“Le immagini del corpo Continua a leggere

SICCOME PER ESSERE FELICI PROFONDAMENTE DOBBIAMO CAPIRE COSA SONO NASCITA, MALATTIA, VECCHIAIA E MORTE, ESSERE FELICI VUOL DIRE CAPIRE LA VITA (Sabina Guzzanti)

Posted in Pensieri sulla Felicità with tags , , , , , , , , , on 21 giugno 2010 by Ada Cattaneo

Non c’è poesia più profonda della vita come non c’è felicità più intensa di un’esistenza dotata di senso.

Nella ricerca spasmodica di attimi farciti da una felicità usa-e-getta l’uomo moderno e postmoderno ha finito per rinunciare a cercare il senso della vita.

Eppure tutta l’inquietudine che gli travaglia il cuore, tutte le terribili nefandezze che compie contro la vita, sono il canto disperato di chi ha Continua a leggere